A- A+
Politica
Pd, le correnti affilano i coltelli: se si perde male pronto il letticidio

Renata Polverini processa Enrico Letta: il segretario del Pd si dimette?

Renata Polverini in una intervista odierna a La Stampa “processa” Enrico Letta rimarcando come abbia fallito nel tentativo di cercare di federare i moderati.

L’ex sindacalista, che ha avuto oscillazioni tra il centro – destra e il centro – sinistra, per tornare da poco definitivamente in Forza Italia che aveva lasciato definendola “sovranista”, punta il dito principalmente sulla strategia dei “tavoli separati” che ha voluto seguire il segretario del Partito democratico nella difficile trattativa della scorsa settimana.

Appunto dall’alto della sua esperienza di contrattazioni la Polverini dice di non aver mai visto non fallire trattative su più tavoli con soggetti che la pensavano esattamente all’opposto.

Certo, dal punto di vista del centro – destra un Calenda con Letta e senza Renzi era molto meglio perché il rischio è che un probabile (la cosa è ancora da definire) Terzo Polo potrebbe contendere voti proprio all’aria liberal moderata di Forza Italia.

Non per niente il centro – destra aveva accolto molto favorevolmente il patto tra Pd e Azione che indeboliva il centro – sinistra.

Tuttavia tale patto era costruito sulle sabbie mobili dell’opportunità, senza alcun vero e solido fondamento.

E per di più stilato con un soggetto screditato dal punto di vista politico come Calenda che ha rifilato bidoni a tutti.

Ma come dicevamo la critica della Polverini, ex presidente della Regione Lazio, riguarda il progetto di Letta di inglobare un’area moderata attingendo appunto anche all’elettorato conservatore.

Critica del resto che è stata mossa al segretario del Pd anche da Gad Lerner su Il Fatto e che è condivisa anche da Marco Travaglio.

Su Letta si stanno addensando nuvoloni gravidi di pioggia.

E adesso siamo solo all’inizio perché comunque queste sono critiche esterne e fra poco invece arriveranno quelle dei nemici interni al Pd che come noto sono tanti e tutti agguerriti, a cominciare proprio da Nicola Zingaretti che si è dimesso proprio per fare posto a Letta.

Ad esempio la trattativa con Di Maio e Tabacci non è sembrata “professionale” ma alquanto improvvisata.

Anche i cosiddetti Giovani Turchi e Francesco Boccia, cioè i fautori di un accordo strutturale con i Pd stanno affilando i coltelli.

Insomma per Letta è iniziato il processo sia esterno che interno e il professore della Sorbona potrebbe anche essere tentato di andarsene di nuovo all’estero lasciando l’Italia e i suoi problemi.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    lettapd





    in evidenza
    Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce

    MediaTech

    Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce

    
    in vetrina
    Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League

    Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League


    motori
    Smart scatto matto: tutta la gamma #1 disponibile con l’Ecobonus 2024

    Smart scatto matto: tutta la gamma #1 disponibile con l’Ecobonus 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.