A- A+
Politica
"Sovranità popolare solo con il presidenzialismo". Inedito di Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Il testo sarà presentato da Fabrizio Tatarella, nipote di Pinuccio, e da Raffaele Fitto a Ceglie Messapica (Brindisi) nella serata del 26 agosto


Affaritaliani.it pubblica in esclusiva la prefazione firmata da Giorgia Meloni (PINUCCIO IL PRESIDENZIALISTA, L’UOMO CHE CI GUARÌ DAL TORCICOLLO) al libro inedito “La destra verso il futuro” scritto dal fondatore di Alleanza nazionale e vicepresidente del Consiglio nel ’94, Pinuccio Tatarella. Un libro non era mai andato in stampa e che è stato ritrovato dai ragazzi della Fondazione Tatarella. Il testo sarà presentato da Fabrizio Tatarella, nipote di Pinuccio, e da Raffaele Fitto a Ceglie Messapica (Brindisi) nella serata del 26 agosto, quando la leader di FdI e candidata a Palazzo Chigi sarà ospite alla kermesse di Affaritaliani.it “La Piazza” e intervistata dal direttore Angelo Maria Perrino.


Prefazione a “La destra verso il futuro”


PINUCCIO IL PRESIDENZIALISTA, L’UOMO CHE CI GUARÌ DAL TORCICOLLO


di Giorgia Meloni
 

 

Credo che non esista, fra quanti hanno vissuto il mondo della destra italiana fra secondo e terzo millennio, uno che non sia mai stato spiazzato da Pinuccio Tatarella. Anche se una pubblicistica approssimativa ha voluto etichettarlo come un «Forlani di destra», la verità è che il ministro dell’Armonia, certamente abilissimo nel mediare e nel guidare partiti e gruppi parlamentari nelle acque perennemente agitate della politica, fu anche e soprattutto un uomo di intuizioni e di coraggio. Alla fine di maggio del 1994, in occasione di un Consiglio europeo, il suo alter ego belga Elio Di Rupo, socialista e omosessuale, che si era già distinto per dichiarazioni molto sgradevoli, provò a metterlo in difficoltà con una sorta di elencazione di valori che a suo parere Tatarella non avrebbe potuto accettare, perché “antifascisti”. Pinuccio replicò soavemente di sottoscrivere tutti quei valori e di volerne aggiungere di altri, come la garanzia per le fasce sociali più deboli e il diritto alla partecipazione dei cittadini. * Presidente Fratelli d’Italia e Conservatori Europei. Opportunismo? Compiacenza? Decisamente no. Tatarella era a casa propria nella democrazia e in Europa. Con la sua risposta a Di Rupo, con le riflessioni che sono contenute anche in questo prezioso inedito, spiegava solo, con superiore linearità e chiarezza, che la destra italiana non aveva più voglia di perdere tempo a leggersi secondo lo sguardo e le lenti deformanti della sinistra. Con lui la nostra identità ritrovava forza prospettica, ci accompagnava nel futuro e nelle sue sfide, ci guariva dal torcicollo. Per le sue origini, per l’odiosa discriminazione a cui è stata sottoposta in età repubblicana, per una malintesa difesa della tradizione e dell’onore, la destra italiana è caduta nella trappola della nostalgia e della rivolta contro il mondo moderno. In realtà non avevamo alcun bisogno di un bagno lustrale e di uno “sdoganamento”: personalità come Tatarella venivano direttamente dall’antica fonte del nazionalismo italiano.

fabrizio tatarella

Fabrizio Tatarella - Fondazione "Pinuccio Tatarella"

 

 


 

LA DESTRA VERSO IL FUTURO È LA DESTRA DI GOVERNO. Le condizioni per consentire un giorno alla destra italiana di governare il Paese sono state create da Pinuccio Tatarella. Questo libro è il manifesto politico della moderna destra italiana. L'eredità di Tatarella appartiene a questa generazione, destinataria principale del suo impegno politico per una destra moderna. Anche a Padova in tanti hanno partecipato alla presentazione del libro di Pinuccio Tatarella "La destra verso il futuro" con prefazione di Giorgia Meloni.

Risorgimentali senza retorica, europeisti confederali, atlantici senza servilismo, occidentali senza incertezze. Una eredità difficile da rivendicare, nel lungo evo gelido in cui il tricolore non andava esibito se non ai Mondiali di Calcio, in cui la parola Patria era considerata se non oscena inopportuna, e in cui l’arco costituzionale era unito soprattutto dal disprezzo per lo Stato. Quando corruzione e fango fecero crollare la Prima Repubblica («si è rotta la damigiana», commentò Tatarella vedendo la fine della Democrazia Cristiana) lui fu il primo a comprendere le nuove opportunità, anche emotive, anche simboliche, che il tempo del maggioritario, con la conseguente “costituzionalizzazione delle estreme”, offriva al nostro campo. Ma non si trattò di una folgorazione sulla via di Damasco, del repentino cambio di passo di un uomo dall’intuito straordinario. Fu la lineare conclusione di un processo e di una riflessione iniziati da diverso tempo. Gli articoli raccolti in questo volume, come annota da par suo il professor Parlato, si collocano infatti fra la seconda metà degli anni Ottanta e i primi anni Novanta. Anni per me verdissimi, che segnarono il distacco dalla vita terrena di Giorgio Almirante e la tumultuosa transizione del Movimento Sociale verso la leadership di Gianfranco Fini. Anni segnati in modo particolare dalla non convenzionale presenza di Francesco Cossiga nelle stanze del Quirinale. In un certo senso fu proprio la battaglia che il MSI fece in Parlamento a difesa di Cossiga, che la partitocrazia e il Partito Comunista in particolare tentavano in ogni modo di ridurre al silenzio, la prima crepa nell’edificio della pregiudiziale contro la destra. E fu allora che la battaglia presidenzialista venne finalmente compresa come possibile, plausibile, necessaria.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    politica





    in evidenza
    Affari in Rete

    Politica

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

    Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream


    motori
    Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

    Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.