A- A+
Politica
Colle, Renzi "usa" Prodi per spaventare Berlusconi. Il retroscena


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Incontro senza intermediari a Palazzo Chigi tra Romano Prodi e Matteo Renzi. I due si sono visti all'indomani delle parole pronunciate dal premier durante l'assemblea del Pd: quel "basta nostalgie sull'Ulivo" che non è piaciuto ai prodiani veri e puri. Ufficialmente il vertice non ha nulla a che fare con la successione a Napolitano. Ma naturalmente il tema più atteso, sullo sfondo di un incontro tra i due, è proprio quello: la possibilità di inserire il nome del Professore nella lista dei papabili. Anche se il Professore dice da tempo di non essere interessato al Colle, dopo lo choc dei 101 franchi tiratori ancora fresco.

Un'ipotesi - Prodi candidato - che secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it serve a spaventare Silvio Berlusconi, anche perché non sarebbe affatto gradita nemmeno al segretario Pd. Sulla candidatura di Prodi al Colle d'altronde si è schierato, nei giorni scorsi, uno dei leader della minoranza Pd, Pippo Civati, alla presenza dell'ex europarlamentare Vittorio Prodi e della neoeletta consigliera regionale Pd Silvia Prodi, fratello e nipote dell'ex premier. E c'è chi pensa che anche il M5S potrebbero nutrire qualche simpatia per l'operazione. La candidatura di Prodi potrebbe raccogliere i consensi di Sel, della minoranza del Pd e dei grillini ma metterebbe in difficoltà lo stesso Renzi e soprattutto quasi certamente non avrebbe i numeri.

L'incontro nella sede del governo sembra dunque un mero chiarimento sull'Ulivo e un'arma di Renzi contro Berlusconi: agitare lo spauracchio Prodi per obbligare l'ex Cavaliere a dire sì alle modifiche sulla legge elettorale. Tattica e giochi politici, insomma.

No secco dell'Ncd all'ipotesi di Romano Prodi Capo dello Stato. Il nome dell'ex premier è infatti in pole position dopo l'incontro con Matteo Renzi a Palazzo Chigi. Affaritaliani.it ha chiesto a Nunzia De Girolamo, capogruppo alla Camera del partito guidato dal ministro dell'Interno, se l'Ncd potesse votare Prodi per il Quirinale. Le parole non lasciano spazio a dubbi: "Le do una risposta che è di carattere personale ma che sicuramente riguarda tutto il partito, dal momento che Angelino Alfano è stato molto chiaro in questi giorni sulla figura del presidente della Repubblica: e quindi la risposta è no".

Tags:
prodirenzi
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
Al Lingotto apre  “FIATCafé500”

Al Lingotto apre  “FIATCafé500”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.