A- A+
Politica
Province, legge a rischio ricorso da parte dei consiglieri "esodati"

In attesa che il governo risolva il problema degli esodati creati dalla riforma Fornero, con il ddl Delrio "rischiano di arrivare anche gli esodati delle Province". Ovvero, i consiglieri provinciali che con l'entrata in vigore del Ddl Province approvato ieri in Senato rischiano di trovarsi per qualche mese senza stipendio, senza ruolo e senza funzioni. Matteo Renzi ha fatto una stima di questi potenziali "fantasmi": 3mila persone, rimandate a casa in anticipo rispetto al termine del mandato elettorale ricevuto. Tremila consiglieri regionali che potrebbero dar vita ad altrettanti ricorsi. Questo, denuncia Roberto Calderoli, per il "modo in cui è stato scritto il maxiemendamento al ddl Delrio".

L'articolo incriminato è l'82 del maxiemendamento che ieri ha ottenuto la fiducia: "Il presidente della Provincia in carica alla data di entrata in vigore della presente legge ovvero, qualora la provincia sia commissariata, il commissario, assumendo anche le funzioni del Consiglio provinciale, nonché la giunta provinciale, restano in carica a titolo gratuito per l'ordinaria amministrazione, comunque nei limiti di quanto disposto per la gestione provvisoria degli enti locali dall'articolo 163, comma 2, del testo unico, e per gli atti urgenti e indifferibili, fino all'insediamento del presidente della provincia eletto ai sensi dei commi da 58 a 65 e comunque non oltre il 31 dicembre 2014".

Il vicepresidente leghista del Senato ha puntato oggi in Aula il dito contro "il pasticcio" del Ddl Province. "Mentre qualcuno pensava che l'abolizione dei Consigli provinciali sarebbe partita dal giorno successivo alle elezioni previste per il 25 maggio, qualche cervellone di un funzionario ha invece fatto sì che il giorno in cui entrerà in vigore il disegno di legge sarà quello in cui verrà trasformato in legge, e quindi il 7 aprile, perché deve essere pubblicato l'8 dal momento che il 9 c'è l'indizione dei comizi elettorali. Il giorno 7, pertanto, i Consigli provinciali verranno sostituiti dal presidente. E' la prima volta che un organo elettivo, prima della sua scadenza, si vede tagliato il mandato attraverso una legge ordinaria. E' una cosa che neanche Mussolini ha fatto, francamente".

Calderoli si augura che "nel passaggio alla Camera qualcuno vi ponga rimedio, perché voglio vedere, il giorno successivo alla data di entrata in vigore di quella legge, chi sarà quello che firmerà un pasticcio del genere o farà qualunque cosa, perché qualunque atto potrà essere per lui motivo di risarcimento di danni per il danno patrimoniale che ha arrecato, in quanto non potrebbe pagare più neanche i consiglieri provinciali che dovevano ricevere uno stipendio fino al 25 maggio". Ma in caso di "ritocchi" alla Camera, il testo dovrebbe tornare al Senato e, al fatidico 9 aprile, mancherebbero pochissimi giorni.

 

Tags:
province
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.