A- A+
Politica
Rai, “Affari sfonda una porta aperta, ma serve riformare la governance”
(fonte Lapresse)

“E’ una proposta che, per quanto ci riguarda, sfonda una porta aperta. C’è, però, intanto un problema tecnico, dal momento che la call per la selezione dei quattro membri da eleggere - due alla Camera e due al Senato - si è già chiusa. Ciò che si può certamente fare è chiedere ai parlamentari di orientare le loro scelte guardando il più possibile alle professionalità”. Federico Fornaro, capogruppo di Leu alla Camera e membro della commissione di Vigilanza Rai, intervistato da Affaritaliani.it, commenta così la proposta lanciata oggi su Affari dal direttore Angelo Maria Perrino. Per quanto riguarda i direttori e vicedirettori di reti e testate, invece, Fornaro, guardando alla direzione dei tg, sottolinea: “Non si può certo dire che non siano dei professionisti dell’informazione. E’ vero che sono stati indicati da questa o quella parte politica, ma Orfeo, Sangiuliano e Carboni restano tre ottimi professionisti”.


Parlando con il nostro giornale, poi, il presidente dei deputati di Leu ci tiene a fare una precisazione: “Noi rivendichiamo il fatto che rispetto alle logiche da manuale Cencelli abbiamo sempre fatto scelte diverse. Ricordo, per esempio, le nomine di Colombo e Tobagi che, ai tempi della segreteria Pd di Bersani, scaturirono proprio da una consultazione di associazioni e mondi vicini all’informazione. Non è vero, dunque, che siamo tutti uguali”. Non solo, ma “proprio perché abbiamo ben presente la questione dell’occupazione della Rai da parte dei partiti – aggiunge Fornaro – nel febbraio dello scorso anno abbiamo presentato una nostra proposta di riforma della governance”.


Una proposta che si fonda su un sistema duale, “che poi – spiega il deputato di Liberi e uguali - è quello usato in Germania per gestire un’azienda grande come la Volkswagen. Il cuore della riforma è la separazione del potere d’indirizzo politico-culturale da quello di gestione, con un Consiglio di sorveglianza (composto da rappresentanti del governo, del Parlamento e diversi stakeholder) che poi elegge il Consiglio di gestione a cui è affidata in toto la gestione quotidiana dell’azienda. In questa maniera, infatti, si raggiungerebbe un giusto equilibrio. E la politica, intesa come rappresentanti delle istituzioni, continuerebbe ad avere un ruolo, come è giusto che sia dal momento che la Rai non è un’azienda come le altre perché parliamo di servizio pubblico”. Insomma, per Fornaro “questa è la strada maestra da seguire” perché, “il problema non è tanto quello di una scelta volontaria ma è più strutturale, di governance appunto. Anche alla luce dell’attuale modello. Il governo Renzi, infatti, pensava che la figura del capo azienda potesse risolvere tutti i problemi. Il bilancio che possiamo fare serenamente, invece, è che ciò non è successo. Anzi – conclude -, in qualche modo l’ultima gestione li ha aggravati”.

Commenti
    Tags:
    raigovernancecdariformaleunominepartiti
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre

    Spettacoli

    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre

    i più visti
    in vetrina
    Elodie: calze a rete-tacchi a spillo, lezioni di danza seducenti (foto-video)

    Elodie: calze a rete-tacchi a spillo, lezioni di danza seducenti (foto-video)


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida

    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.