A- A+
Politica
Recovery Fund, Draghi alla Camera: "In gioco la nostra credibilità". VIDEO

"Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha tre obiettivi principali", così il presidente del Consiglio Mario Draghi, ha presentato alla Camera dei Deputati il Pnrr inviato a Bruxelles approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Ue. Un piano che ha "un orizzonte temporale ravvicinato" e che ha come primo obiettivo quello di riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica".

Con una prospettiva più di medio-lungo termine, il Piano "affronta alcune debolezze che affliggono la nostra economia e la nostra società da decenni", ha detto il premier, come i "perduranti divari territoriali, le disparità di genere, la debole crescita della produttività e il basso investimento in capitale umano e fisico".

Le risorse del Piano - assicura il premier - contribuiscono "a dare impulso a una compiuta transizione ecologica". Questo progetto per Draghi avrà successo se ci sarà l'aiuto da parte delle Regioni, dei Comuni e delle Province, perchè "gli enti territoriali sono determinanti per la riuscita del Piano".

Il governo del Piano, o" governance per qualcuno", dice sorridendo Draghi, "è strutturato su diversi livelli": l'attuazione delle iniziative e delle riforme, nonchè la gestione delle risorse finanziarie, "sono responsabilità dei Ministeri e delle autorità locali", chiamati a uno "straordinario impegno in termini di organizzazione, programmazione e gestione", ha sottolineato l'ex numero 1 della Bce. 

Mentre per le funzioni di monitoraggio, controllo e rendicontazione e i contatti con la Commissione Europea sono affidati al Ministero dell'Economia e delle Finanze. Infine, è prevista "una cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio, con il compito tra l'altro di interloquire con le amministrazioni responsabili in caso di riscontrate criticita' nell'attuazione del Piano". Un nodo questo che ha diviso la maggioranza precedente che sosteneva il governo Conte 2.

Il piano in cifre invece prevede le "risorse fornite attraverso il Dispositivo di ripresa e resilienza della Ue", che sono pari a 191,5 miliardi più lo stanziamento del governo di ulteriori 30,6 miliardi per il finanziamento di un Piano nazionale complementare da affiancare al dispositivo europeo.

Questo piano complementare "finanzia progetti coerenti con le strategie del Pnrr, che tuttavia eccedevano il tetto di risorse ottenibili dal dispositivo europeo", ha aggiunto il premier. "Il Pnrr e il Piano complementare sono stati disegnati in modo integrato: anche i progetti del secondo avranno gli stessi strumenti attuativi". 

Che cosa prevede il piano in concreto? Riforme e investimenti per risolvere tre nodi strutturali del nostro Paese: "Le disparità regionali tra il Mezzogiorno e il Centro Nord, le diseguaglianze di genere e i divari generazionali".  "Il Piano - ha osservato - è articolato in progetti di investimento e riforme. L'accento sulle riforme è fondamentale. Queste non solo consentono di dare efficacia e rapida attuazione agli stessi investimenti, ma anche di superare le debolezze strutturali che hanno per lungo tempo rallentato la crescita e determinato livelli occupazionali insoddisfacenti, soprattutto per i giovani e le donne. Le riforme e gli investimenti sono corredati da obiettivi quantitativi e traguardi intermedi e sono organizzate in sei Missioni. I progetti di ciascuna missione mirano ad affrontare tre nodi strutturali del nostro Paese, che costituiscono obiettivi orizzontali dell'intero Piano. Si tratta di colmare le disparità regionali tra il Mezzogiorno e il Centro Nord, le diseguaglianze di genere e i divari generazionali". 

 

Commenti
    Tags:
    recovery fundpnrrmario draghidraghidraghi cameradraghi pnrr
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Conte e Lautaro: pace sul ring E Lukaku fa lo speaker. Video

    Inter, torna il sereno

    Conte e Lautaro: pace sul ring
    E Lukaku fa lo speaker. Video

    i più visti
    in vetrina
    Ferragnez: "Abbiamo comprato casa a Milano, sarà pronta nel 2022"

    Ferragnez: "Abbiamo comprato casa a Milano, sarà pronta nel 2022"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali

    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.