A- A+
Politica
Italicum, raggiunta intesa Pd-Fi. "Ok riforma solo per Camera"

"Mi pare che sia un importante passo in avanti quello di oggi, se ho capito bene". Matteo Renzi, saluta così, con soddisfazione, da Tunisi, l'accordo siglato al termine di un vertice a Palazzo Grazioli con cui Forza Italia ha accettato l'emendamento che nei giorni scorsi aveva messo in crisi il patto conil Pd.

Il testo prevede che sia soppresso l'intero articolo 2 della legge, che disciplina l'elezione del Senato e il riferimento a Palazzo Madama andrebbe eliminato anche dal titolo delle riforme. Prima firma Lauricella, poi D'Attorre (entrambi esponenti della minoranza Pd). Le altre firme sono di Bindi, Bruno Bossio, Lattuca, Malisani, Murer, Agostini Zoggia, Mognato, Giorgis.

"Il fatto che il Senato abbia o no la norma elettorale nel momento in cui abbiamo deciso di superare il senato è secondario, è un tema per addetti ai lavori", ha chiosato il premier. Uno strappo che rischia però di alimentare nuove tensioni all'interno dei democratici.  "Ma si è mai visto un sistema politico bicamerale con due leggi diverse per ognuna delle due Camere? Mi appello a Napolitano per sapere se va tutto bene", si lamenta Pippo Civati, esponente della minoranza Pd.

Positivo invece il giudizio di Gianni Cuperlo che parla di "un bel passo avanti". "Stralciare le norme sul Senato e agganciare con più chiarezza la legge elettorale alla riforma costituzionale - prosegue - va nella direzione di dare al Paese una legge elettorale efficace e seria".

La soddisfazione di Renzi è condivisa solo in parte anche da Silvio Berlusconi. "Come ulteriore atto di collaborazione, nell'interesse del Paese, a un percorso riformatore verso un limpido bipolarismo e un ammodernamento dell'assetto istituzionale - afferma il Cavaliere - manifestiamo la nostra disponibilità a una soluzione ragionevole che, nel disegnare la nuova legge elettorale, ne limiti l'efficacia alla sola Camera dei deputati, accettando lo spirito dell'emendamento 2.3".

Il leader di Forza Italia compie dunque un passo indietro rispetto all'irritazione con cui stamane era tornato a Roma, suggellando la nuova intesa con Renzi, di cui però sottolinea "con grave disappunto" la "difficoltà" nel "garantire il sostegno della sua maggioranza agli accordi pubblicamente realizzati". Accordi che Berlusconi conferma "senza alcun 'patto segreto' come maliziosamente insinuato da alcuni organi di stampa".

Frecciate, quelle rivolte dal Cavaliere a Renzi, alle quali il presidente del Consiglio ha voluto replicare: "Vorrei far notare a Berlusconi e a tutti - ha detto - che stiamo realizzando ciò che ci eravamo impegnati a fare. Le polemiche di oggi non le capisco. Vediamo se venerdì ci sarà legge elettorale e speriamo si chiuda dopo 20 anni la pagina delle riforme istituzionali".

Si allinea alla nuova intesa anche il Nuovo Centrodestra. In un tweet il leader, e ministro dell'Interno, Angelino Alfano, scrive: "Dobbiamo superare il Senato. Quindi legge elettorale solo per la Camera. Noi non siamo delusi da Renzi. Patti chiari, riforme certe #avantitutta".

Dopo il via libera allo stralcio dal testo delle norme che riguardano il Senato, restano ancora alcuni punti da definire. Nel testo finale ci saranno un premio di maggioranza al 37% e una soglia di sbarramento al 4,5% per i partiti in coalizione. Confermato anche l'emendamento per delegare al governo l'individuazione dei collegi. Sì anche alle candidature multiple, che dovrebbero essere consentite in un massimo di otto collegi. Potrebbe invece essere archiviato, e non comparire dunque nel testo finale, l'emendamento cosiddetto "Salva Lega" presentato da Forza Italia, ma chi sta conducendo le ultime trattative spiega che la questione deve ancora essere decisa in maniera definitiva.

Malgrado questi che sembrano ormai punti fermi, in comissione Affari costituzionali alla Camera i lavori restano comunque in alto mare. Il faldone degli oltre 550 emendamenti all'Italicum richiede più tempo del previsto e così il Comitato dei Nove, che già aveva chiesto un primo rinvio dell'Aula alle 18.15, ha chiesto un ulteriore rinvio a domani mattina alle 10.30.

Frenata che Renzi spera sia solo temporanea. "Vediamo se venerdì ci sarà la legge elettorale come spero. E che il parlamento non faccia ulteriori dilazioni e dopo 20 anni si chiuda la pagine delle riforme istituzionali e costituzionali", dice il segretario del Pd. Per tentare di sbloccare la situazione, in serata il gruppo democratico a Montecitorio ha inoltre deciso di ritirare tutti gli emendamenti, tranne quello sulla parità di genere.

 

Tags:
renzisenato

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.