A- A+
Politica
"La Nato? E' un covo di terroristi". Il carteggio che imbarazza il premier

 


Da http://www.tusciaweb.eu/

Che questo paese sia in piena decadenza è chiaro a tutti. Che anche chi doveva essere un vento di cambiamento e di progresso si stia rivelando più incline all’approssimazione e al pressappochismo, sta diventando sempre più palese.

Siamo stati tra i primi fautori di Renzi e lo abbiamo sostenuto a tutte le primarie, e quindi non c’è nessuna prevenzione anzi, ma la risposta che il presidente del consiglio, e va sottolineato “presidente del consiglio”, dà a Peppe Sini non può non far riflettere e stupire per tanta e tale superficialità. Una risposta infantile e bambinesca. E che soprattutto non risponde ad accuse pesantissime e chiarissime.

Va detto che non ci può non far piacere che il primo ministro risponda a un cittadino viterbese. E va detto che Peppe Sini svolge il suo ruolo con piena coerenza. E’ un pacifista, che si definisce nonviolento, di stampo novecentesco e continua a esserlo. Facendo scelte, anche sul piano esistenziale, significative. Le sue posizioni politiche possono essere più o meno condivise, ma quelle sono. E hanno una loro  linearità.

Fin qui tutto bene.

Ma la domanda è: come può un primo ministro, che dovrebbe rappresentare lo stato repubblicano nato dalla resistenza, rispondere con una sorta di “volemose bene” oppure “capisca la mia situazione” ad accuse gravissime?.

Sini formula, tra l’altro, una accusa precisa di terrorismo alla Nato e quindi, se la logica ha un senso, allo stato italiano. E quindi a chi lo rappresenta. Nel caso, proprio il primo ministro Matteo Renzi.

“Lo stato italiano, in flagrante violazione del dettato della costituzione della repubblica italiana che ripudia la guerra, continua a prendere parte a guerre in corso – spiega Sini nella lettera inviata a Renzi a cui il primo ministro ha risposto -.

Lo stato italiano continua a consentire che in Italia si producano e si vendano armi che vengono poi utilizzate per minacciare, terrorizzare ed assassinare degli esseri umani in tante parti del mondo.

Lo stato italiano continua a sperperare immense risorse (70 milioni di euro al giorno) del popolo italiano per le spese militari, per il riarmo assassino, per la partecipazione alle guerre.

Lo stato italiano continua a far parte di un’organizzazione terrorista e assassina come la Nato.

Lo stato italiano continua ad essere alleato e quindi complice di paesi e coalizioni internazionali responsabili di crimini di guerra e di crimini contro l’umanità.

Lo stato italiano continua ad essere corresponsabile delle stragi nel Mediterraneo provocate dalle misure razziste italiane ed europee che impediscono ad esseri umani che ne hanno estremo bisogno e assoluto diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro e di esservi accolti in pienezza di diritti e dignità”.

Accuse condivisibili o meno da un cittadino normale, ma che un primo ministro dovrebbe o respingere motivatamente o accogliere e quindi dimettersi.

Perché, in sintesi, l’accusa è che l’Italia faccia parte di una “organizzazione terroristica e assassina”, la Nato, e di essere complice di “crimini di guerra e di crimini contro l’umanità”. Una nazione canaglia, verrebbe da dire, che vede appunto Matteo Renzi alla guida.

Come è possibile che Renzi si sia limitato a una risposta da minuetto. Senza nulla eccepire su accuse di questa gravità? Come è possibile che abbia semplicemente formulato una ridicola risposta di maniera?

In questi casi o non si risponde o, se si risponde, si risponde adeguatamente. Ma Renzi ha scelto di rispondere…

Ora è chiaro che le lettere al primo ministro sono vagliate dall’ufficio stampa e/o dalla segreteria della presidenza del consiglio e che gli stessi possano stilare le risposte. Ma, se c’è un presidente del consiglio, questo deve mandare a casa qualcuno. Per pressappochismo e infantilismo.

L’altra possibilità è che Renzi abbia risposto in prima persona e allora la cosa sarebbe di una gravità inaudita.

Carlo Galeotti

Pubblichiamo di seguito la lettera iniziale “Dalla parte di Abele” che ha dato origine al carteggio, la lettera di Matteo Renzi e la risposta di Peppe Sini.

--------------------------------------------------------------------------------

La lettera “Dalla parte di Abele” che ha dato origine al carteggio

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,

ricorre domani, 4 novembre, l’anniversario della conclusione della scellerata “inutile strage” della prima guerra mondiale.

E ricorre quest’anno altresì il centenario dell’inizio di quella scellerata “inutile strage”.

Alcune movimenti nonviolenti, antimafia, per i diritti umani, il 4 novembre ricorderanno in varie città d’Italia tutte le vittime di tutte le guerre con l’iniziativa “Ogni vittima ha il volto di Abele”, recando omaggi floreali e sostando in silenzio dinanzi alle tombe e alle lapidi che ricordano alcuni degli innumerevoli esseri umani che la guerra ha ucciso.

Queste commemorazioni esprimono una profonda e ineludibile verità: che la guerra è nemica dell’umanità; e che quindi è necessità, diritto e dovere dell’umanità intera abolire la guerra.

E per abolire la guerra occorre abolire gli eserciti e le armi.

*

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,

in questo stesso 4 novembre in cui le persone amiche della nonviolenza esprimono il loro lutto per gli assassinati ed il loro impegno ad opporsi alla continuazione delle stragi, sciaguratamente lo stato italiano “festeggia” la guerra e i poteri assassini: così recando ancora un’estrema infame offesa alle vittime della guerra.

Non solo: lo stato italiano, in flagrante violazione del dettato della Costituzione della Repubblica Italiana che ripudia la guerra, continua a prendere parte a guerre in corso.

Non solo: lo stato italiano continua a consentire che in Italia si producano e si vendano armi che vengono poi utilizzate per minacciare, terrorizzare ed assassinare degli esseri umani in tante parti del mondo.

Non solo: lo stato italiano continua a sperperare immense risorse (70 milioni di euro al giorno) del popolo italiano per le spese militari, per il riarmo assassino, per la partecipazione alle guerre.

Non solo: lo stato italiano continua a far parte di un’organizzazione terrorista e assassina come la Nato.

Non solo: lo stato italiano continua ad essere alleato e quindi complice di paesi e coalizioni internazionali responsabili di crimini di guerra e di crimini contro l’umanità.

Non solo: lo stato italiano continua ad essere corresponsabile delle stragi nel Mediterraneo provocate dalle misure razziste italiane ed europee che impediscono ad esseri umani che ne hanno estremo bisogno e assoluto diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro e di esservi accolti in pienezza di diritti e dignità.

*

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,

il primo dovere di ogni essere umano, e quindi anche di ogni istituzione democratica, è rispettare e salvare le vite.

Ascoltando il monito di questa dolorosa ricorrenza, nel lutto inestinguibile per le vittime della guerra di cui si fa memoria, il Governo e il Parlamento vogliano finalmente far cessare gli abominevoli scandali sopra richiamati ed impegnarsi ad avviare una concreta e coerente politica di pace.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Rispetto per la vita, la dignità e i diritti di tutti gli esseri umani.

Solo la nonviolenza può salvare l’umanità.

Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani”

Viterbo, 3 novembre 2014

 ———-

La lettera di risposta del presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi

Gentile Peppe,

la ringrazio per la sua lettera. Con piacere apprendo della vostra iniziativa e voglio dirle che, con tutto il cuore, come cittadino, come padre, come uomo, comprendo le ragioni e i sentimenti che muovono le vostre parole e le vostre azioni.

Come presidente del consiglio sento il dovere di dirle che ho una grande responsabilità: garantire la sicurezza del nostro Paese, anche rispettando gli accordi internazionali che garantiscono importanti e delicati equilibri, raggiunti con fatica, impegno e molti sacrifici.

Lei mi scrive che per abolire la guerra occorre abolire gli eserciti e le armi. Ma è come dire che per smettere di litigare bisogna smettere di parlare. Non è vero. Per abolire la guerra occorrono coerenza, dialogo, comprensione. E serve, soprattutto, vivere nella realtà, che non è fatta soltanto di desideri e speranze – che animano la nostra volontà! - ma anche di sofferenza e problemi complessi, che noi siamo chiamati a riconoscere ed affrontare nella loro sfacciata crudeltà.

Mi auguro che lei possa comprendere il mio punto di vista, così come io ho cercato di comprendere il suo. E spero che lei possa riuscire ad avere fiducia nell’operato della nostra difesa e del governo.

Un caro saluto,

Matteo Renzi

30 dicembre 2014

 ———-

La risposta del responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo, Peppe Sini

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri (o – se preferisce – gentile Matteo),

in primo luogo la ringrazio di cuore della sua lettera e della squisita cortesia con cui l’ha redatta.

In secondo luogo devo tuttavia confermare quanto già esposto nella mia lettera “Dalla parte di Abele” del 3 novembre sollecitando nuovamente la cessazione delle attuali sciagurate politiche di guerra ed insistendo nella richiesta di un impegno di pace e rispetto dei diritti umani adeguato e coerente.

Mi permetta infine di dirle in tutta sincerità ed in spirito di fraternità che la sua fiducia negli eserciti e nelle armi, ovvero la sua fiducia nella bontà dell’uccidere gli esseri umani (poiché a questo purtroppo eserciti ed armi servono) è davvero mal riposta. Uccidere non è mai un bene, ma la più inammissibile delle azioni. Ogni essere umano ha diritto alla vita.

La sicurezza comune, la civile convivenza, può essere garantita solo dalla nonviolenza, e dalle esperienze e gli istituti da essa ispirati, come il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, i corpi civili di pace, la difesa popolare nonviolenta: esperienze ed istituti che in parte sono già entrati nel corpus legislativo e nella pratica amministrativa ma che occorre ulteriormente potenziare (come propongono ad esempio alcune recenti importanti iniziative promosse dal “Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace” e dalla “Tavola della pace”, come dalla “Rete della pace”).

La invito pertanto nuovamente ad adoperarsi affinché il governo da lei presieduto receda da disastrose politiche di guerra e si impegni ad avviare una politica di pace con mezzi di pace, una politica che salvi le vite invece di sopprimerle.

Sarebbe un grande bene se il governo italiano volesse fare la vera e più urgente riforma di cui l’umanità ha bisogno: la scelta di una politica finalmente integralmente umana, la scelta della nonviolenza.

So che lei ha studiato la figura e l’opera di Giorgio La Pira: la esorto a trarne feconda ispirazione.

Augurandole ogni bene, le invio un cordiale saluto

Peppe Sini, responsabile del Centro di ricerca per la pace e i diritti umani

Viterbo, primo gennaio 2015

 

Tags:
renzinato

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.