A- A+
Politica
Consulenza, Renzi nuovo consigliere strategico del Tony Blair Institute
Matteo Renzi, conferenza stampa alla Camera

Matteo Renzi entra a far parte del Tony Blair Institute for Global Change

TBI è lieta di annunciare che Matteo Renzi, ex Primo Ministro italiano e già segretario del Partito Democratico (PD), entrerà a far parte del Tony Blair Institute (TBI) come Consigliere Strategico.

Lavorando con i colleghi e i team di tutti i Paesi del portfolio TBI, Renzi supporterà il nostro lavoro ai massimi livelli, consigliando i leader politici sui loro programmi di riforma. Renzi, il più giovane Primo Ministro italiano di sempre, ha una storia di successi che vanno dall'adozione precoce e completa della tecnologia digitale all'introduzione di radicali riforme nei servizi pubblici.

Tony Blair ha affermato: "Sono lieto di dare il benvenuto a Matteo Renzi all’Institute come Consigliere Strategico. Matteo sarà una preziosa aggiunta al nostro team di leader che forniscono consulenza e approfondimenti strategici di alto livello, aiutando i leader politici di tutto il mondo a realizzare cambiamenti per i loro Paesi”.

Matteo Renzi ha commentato: “Sono onorato di unirmi alla TBI. Tony Blair è stata fonte di ispirazione per me negli anni del Governo e sono lieto di poter lavorare perché i leader di oggi e domani abbiano lo stesso esempio visionario e riformista”.

Il Tony Blair Institute for Global Change supporta i leader politici e i governi nella costruzione di società aperte, inclusive e prospere in un mondo globalizzato. Lo fa fornendo consulenza specialistica ai leader politici di tutto il mondo su strategia, politica e attuazione, il tutto reso possibile dalla tecnologia.

Matteo Renzi è stato Primo Ministro dal febbraio 2014 a dicembre 2016. Ha guidato il Partito Democratico (PD) dal 2013 al 2018, con una breve interruzione nel 2017. Nel 2019 ha fondato il suo partito centrista, Italia Viva. È stato membro del Partito Popolare Italiano cristiano democratico dal 1996 al 2002, che è confluito nel partito centrista La Margherita, che a sua volta si è fuso con il PD nel 2007, il principale partito di centrosinistra.

Nel 2009, membro del PD, M. Renzi è diventato sindaco di Firenze. Le sue politiche includevano l'installazione di 500 punti di accesso WiFi, il dimezzamento del numero di consiglieri comunali e il taglio della spesa in eccesso del settore pubblico, la riduzione delle liste d'attesa per gli asili  del 90% e l'investimento in edilizia scolastica e welfare. Matteo Renzi è da tempo un sostenitore della digitalizzazione come parte centrale delle riforme interne in Italia. Durante il suo mandato da Primo Ministro, l'introduzione dell'ID digitale nei principali servizi pubblici è stata vista da Renzi come un modo per creare "un'Italia più veloce, più agile e meno burocratica".

Nel 2014, M. Renzi ha introdotto la Riforma della Pubblica Amministrazione o "Riforma Madia" come un ampio insieme di misure per modernizzare la pubblica amministrazione in Italia. Le riforme includevano una componente completa di digitalizzazione ed e-government, in cui l'ID digitale era un pilastro centrale.

I Consiglieri strategici di TBI ora includono Matteo Renzi, Sanna Marin, ex Primo Ministro finlandese, il Generale Sir Nick Carter, ex Capo di Stato Maggiore della Difesa nel Regno Unito, e Patrick Vallance, ex Consigliere scientifico capo del governo del Regno Unito.

I Consiglieri strategici di TBI forniscono consulenze, tratte dall'esperienza, ai leader politici che affrontano una serie di sfide nell'attuazione di riforme radicali e importanti progetti di natio-building.






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.