"Con Renzi segretario e leader del Pd, il Partito democratico potrà contare su un elettorato più ampio. Il sistema di flussi in entrata e in uscita è complesso: l'elezione del sindaco di Firenze farà sicuramente perdere dei voti a sinistra, ma li farà guadagnare al centro". Alessandro Amadori, numero uno di Coesis Research, analizza per Affaritaliani.it i mutamenti delle intenzioni di voto all'indomani dell'incoronazione di Matteo Renzi segretario del Pd. "Il dato complessivo è certamente positivo, con un consolidamento del partito".

"I voti in uscita coincidono con l'area di Sel. Anche se formalmente Sinistra Ecologia e Libertà è un partito a sé stante, una parte dei suoi elettori vota Pd. Parliamo di un 3-4% di elettori in uscita quindi. Però l'elezione del sindaco potrebbe generare un flusso in entrata del 5%, 'regalando' al rottamatore un saldo positivo di 400/600mila voti. Un flusso che consentirebbe al Pd di avere la maggioranza anche al Senato. Il Pd prenderebbe così voti dall'area dei delusi e in parte dal Movimento 5 Stelle. Non è un caso che i grillini attacchino il sindaco di Firenze. Egli esercita una concorrenza ai 5Stelle. Alcuni argomenti, come la rottamazione, il rinnovamento, sono classici dei grillini. Renzi riconquisterebbe parte dei voti persi alle ultime elezioni andando a pescare anche nell'area di centro e nell'area dei pidiellini delusi".
 
Però Amadori fa notare che il guadagno deve essere consolidato. "La tenuta sul medio e lungo termine dipenderà da quanto Renzi sarà capace di mantenere i voti che ha conquistato". Buone notizie quindi per il partito guidato da Nichi Vendola. "Mi aspetto che si generi un nuovo bisogno di rappresentanza a sinistra", spiega Amadori. "Con Renzi il posizionamento del Pd cambia, entrando in un'area che definirei più socialista, alla Zapatero. Quindi si apre uno spazio a sinistra del Pd che Vendola, seppure con una leadership apatica e ormai stanca, potrebbe colmare".

Amadori ha le idee chiare anche su Matteo Salvini, il neo-eletto segretario della Lega Nord. "E' il Renzi del Carroccio, un elemento di potenziale rinnovamento. Se sé la gioca bene, anche con un ritorno allo spirito movimentista degli inizi, può portare la Lega Nord intorno ai 6%".

2013-12-09T08:20:03.86+01:002013-12-09T08:20:00+01:00truetrue1546116falsefalse6Politica/politica4131065913562013-12-09T08:20:03.92+01:0015462013-12-09T15:53:17.857+01:000/politica/renzi-pd-consensi091213false2013-12-09T09:10:08.74+01:00310659it-IT102013-12-09T08:20:00"] }
A- A+
Politica
Renzi 2
 

"Con Renzi segretario e leader del Pd, il Partito democratico potrà contare su un elettorato più ampio. Il sistema di flussi in entrata e in uscita è complesso: l'elezione del sindaco di Firenze farà sicuramente perdere dei voti a sinistra, ma li farà guadagnare al centro". Alessandro Amadori, numero uno di Coesis Research, analizza per Affaritaliani.it i mutamenti delle intenzioni di voto all'indomani dell'incoronazione di Matteo Renzi segretario del Pd. "Il dato complessivo è certamente positivo, con un consolidamento del partito".

"I voti in uscita coincidono con l'area di Sel. Anche se formalmente Sinistra Ecologia e Libertà è un partito a sé stante, una parte dei suoi elettori vota Pd. Parliamo di un 3-4% di elettori in uscita quindi. Però l'elezione del sindaco potrebbe generare un flusso in entrata del 5%, 'regalando' al rottamatore un saldo positivo di 400/600mila voti. Un flusso che consentirebbe al Pd di avere la maggioranza anche al Senato. Il Pd prenderebbe così voti dall'area dei delusi e in parte dal Movimento 5 Stelle. Non è un caso che i grillini attacchino il sindaco di Firenze. Egli esercita una concorrenza ai 5Stelle. Alcuni argomenti, come la rottamazione, il rinnovamento, sono classici dei grillini. Renzi riconquisterebbe parte dei voti persi alle ultime elezioni andando a pescare anche nell'area di centro e nell'area dei pidiellini delusi".
 
Però Amadori fa notare che il guadagno deve essere consolidato. "La tenuta sul medio e lungo termine dipenderà da quanto Renzi sarà capace di mantenere i voti che ha conquistato". Buone notizie quindi per il partito guidato da Nichi Vendola. "Mi aspetto che si generi un nuovo bisogno di rappresentanza a sinistra", spiega Amadori. "Con Renzi il posizionamento del Pd cambia, entrando in un'area che definirei più socialista, alla Zapatero. Quindi si apre uno spazio a sinistra del Pd che Vendola, seppure con una leadership apatica e ormai stanca, potrebbe colmare".

Amadori ha le idee chiare anche su Matteo Salvini, il neo-eletto segretario della Lega Nord. "E' il Renzi del Carroccio, un elemento di potenziale rinnovamento. Se sé la gioca bene, anche con un ritorno allo spirito movimentista degli inizi, può portare la Lega Nord intorno ai 6%".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzipdsondaggio
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.