A- A+
Politica
Il dietro le quinte del sì di Berlusconi a Renzi sull'Italicum


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


L'ennesimo faccia a faccia tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi è servito per sancire quello che già era nell'aria e che Affaritaliani.it aveva intuito: il Patto del Nazareno regge e va avanti. I tecnicismi verranno risolti in Commissione al Senato, o anche in Aula, dove si troverà una soluzione sullo sbarramento al 3 o al 4%, sul nodo delle preferenze, sulla grandezza dei collegi o circoscrizioni e sul premio di maggioranza alla lista (probabile) o alla coalizione. Insomma, i dettagli - che poi tanto dettagli non sono - saranno messi a punto durante l'iter parlamentare.

Il vero punto politico è che l'intesa tra il segretario dem e l'ex Cavaliere è più forte che mai. E non poteva essere altrimenti. Al premier serve tempo per intercettare la ripresa economica, lanciare il Partito della Nazione e mettere a tacere la minoranza interna. Il leader azzurro, dal canto suo, non vuole le elezioni anticipate, non solo perché il Centrodestra è diviso e non pronto alla sfida delle urne. Ed ecco il vero nodo. Che cosa ha chiesto Berlusconi a Renzi in cambio del via libera indigesto alle modifiche all'Italicum? Fonti qualificate del Pd spiegano che tra i due leader la discussione non è stata solo sulle riforme ma anche sul fatto che all'ex Cav interessa molto la stabilità politica, che fa bene a Mediaset e alle aziende di famiglia.

Non a caso, l'altro giorno, nel vertice ad Arcore i figli di Berlusconi e Fedele Confalonieri hanno chiesto a Berlusconi di fare di tutto affinché la legislatura non si interrompa. Ma c'è dell'altro. In Parlamento (e non solo) c'è chi sostiene che il numero uno di Forza Italia sia molto interessato al progetto di riforma della Rai, che potrebbe comportare una diversa distribuzione della raccolta pubblicitaria che, in qualche modo, favorirebbe anche Mediaset. Non solo. Qualche deputato del Pd ricorda che in una delle ultime riunioni con i gruppi parlamentari Renzi ha accennato a un non meglio precisato gruppo di lavoro per modificare in tempi rapidi l'attuale assetto della Rai. 

D'altronde qualcosa sul fuoco, dietro le quinte, deve pur esserci per l'Italicum con il premio alla lista e lo sbarramento al 3% per i partitini sembra un lagge fatta su misura per il Pd. Ma Berlusconi dice sì...

Tags:
rairenziberlusconi
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo

Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.