A- A+
Politica
Riforme, dissidenti sul piede di guerra: “Da Renzi diktat arroganti”

Di Tommaso Cinquemani

Renzi: nessuna dittatura. E' che non si affossano le riforme
"Non ho avuto tempo di occuparmi oggi di vicende interne al Pd. Lo faro' domani. Alcuni resoconti sono sorprendenti perche' la sostituzione di un senatore in una commissione puo' essere considerata in tutti i modi, ma non certo come l'esercizio di un potere dittatoriale". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in conferenza stampa a palazzo Chigi. "Se un membro di un partito sta in commissione - ha ribadito - deve attenersi alla linea del proprio gruppo. In aula fara' valere la propria coscienza, ma se non permetti a quel progetto di arrivare alla discussione in Aula non stai esercitando la liberta' di coscienza ma stai affossando un provvedimento". "Questo - ha detto ancora il presidente del Consiglio, e segretario Pd - e' avvenuto sia per un senatore del Pd che per un senatori dei Popolari per l'Italia".

Senatore Casson, lei e i suoi colleghi auto-sospesi che cosa vi aspettate dall’incontro con il capogruppo Zanda di lunedì?
“Ci aspettiamo che si discuta in maniera serena delle proposte che abbiamo fatto rispetto alle Riforme e della necessità di un maggior dialogo all’interno del Partito democratico”.

C’è un problema di democrazia all’interno il Pd, come dice Pippo Civati?
“Assolutamente sì. Con la sospensione di Mineo si è violata la Costituzione e il regolamento del gruppo, che dovrebbe invece tutelare il dialogo e la partecipazione anche di chi ha opinioni diverse. In questo modo è stato fatto un atto di forza che non è assolutamente accettabile. Ora vediamo che cosa succederà domani all’Assemblea Nazionale”.

Qualcuno dice che il Pd è pronto a spaccarsi, con un gruppo di senatori sull’uscio della porta…
“Quello che posso dire è che il malumore è forte e più ampio rispetto a quello espresso dai senatori che si sono autosospesi. Questi atti che arrivano dall’alto, di arroganza, non sono accettabili e non fanno parte delle regole del Partito democratico, soprattutto perché si discute della nostra Costituzione”.

Il 90% del partito però è a favore di queste riforme. Non si rischia che una minoranza blocchi la maggioranza con i suoi veti?
“Siamo delle persone che vogliono discutere di contenuti e chi non accetta le discussioni va contro le regole stesse dal Pd. La costituzione durerà certamente di più di Matteo Renzi”.

Sono state riforme affrettate?
“La riforma costituzionale è una questione complicata che va discussa in profondità. Questo non vuol dire bloccare le riforme. Ma il diritto dei cittadini di votare i propri rappresentanti al Senato deve essere tutelato”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
riformerenzicasson
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.