A- A+
Politica
Tasse più alte su bond e azioni. Irap -10%. Una tantum di 500 euro


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Angelo Rughetti, parlamentare del Pd molto vicino al segretario Matteo Renzi e a Graziano Delrio, intervistato da Affaritaliani.it, mette ordine sui progetti del nuovo esecutivo per quanto riguarda la tassazione e in particolare quella sulle rendite finanziarie. "In questa vicenda - spiega il deputato membro della Commissione Bilancio della Camera - ci sono due aspetti rilevanti. Il primo è quello che bisogna applicare in modo più coerente la Costituzione, che invita il legislatore fiscale a prevedere forme di partecipazione progressiva al fabbisogno statale. Vuol dire che chi più ha deve mettere qualcosa in più. Il secondo punto è quello di andare a trovare un nuovo equilibrio per quanto concerne la tassazione sui fattori della produzione, che notoriamente sono capitale e lavoro. Oggi la nostra tassazione è molto sbilanciata a sfavore del lavoro. Dobbiamo fare una valutazione per capire se non sia il caso di riequlibrare il tutto su un punto diverso".

Rughetti entra poi nello specifico: "Delrio ha detto una cosa di buonsenso, andando a vedere di volta in volta come intervenire. Se abbiamo un investitore che ha 500mila euro di obbligazioni oggi paga il 20% di tasse. In Europa pagherebbe molto di più, come tutti sanno bene. Se io li stessi 500mila euro li usassi per assumere delle persone in un'azienda riceverei un'imposizione fiscale molto più alta. Su questo equilibrio va fatto un ragionamento. Dobbiamo continuare a tassare chi investe nel lavoro in modo quasi progressivamente geometrico rispetto a chi investe nel capitale, che molte volte ha anche meno rischi e ha sicuramente meno fatica?

Facciamo qualche esempio concreto. Chi ha un Bot da 1.000 euro può stare tranquillo? "Sui titoli di Stato va fatto un ragionamento ad hoc. Il rischio di avere una tassazione che poi diventa neutrale dal punto di vista del gettito è molto alto. Nel momento in cui lo Stato tassa in modo maggiore i titoli di Stato li rende meno appettibili e di conseguenza il rischio che ci sia un aumento dei tassi di interesse che lo Stato paga è maggiore. Il pericolo è che sia soltanto una partita di giro. Sui titoli di Stato bisogna fare quindi un'analisi ancora più approfondita tenendo conto della varietà delle nostre emissioni". In sostanza, si pensa a un aumento della tassazione sul capital gain di obbligazioni e azioni e non sui Bot? "Esatto, io sarei per questa soluzione".

Di quanto si possono tagliare le tasse? "Dipende molto da che tipo di coperture il governo riuscirà a trovare", spiega Rughetti. "Come obiettivo dobbiamo stimolare l'economia, ma senza sfasciare i conti pubblici. Penso che una riduzione del 10% dell'Irap nel 2014 sia un'operazione fattibile. Ritengo però che sia fondamentale avere un programma di riduzione della pressione fiscale. Non deve essere una tantum ma permanente. Serve un programma a dieci anni con l'obiettivo di ridurre la pressione fiscale dal valore di oggi - più o meno il 44% - a una certa cifra. E l'indirizzo politico si deve preoccupare di individuare quali voci far diminuire e dove prendere i soldi per farlo".

E l'Irpef? "Farei un ragionamento immediato per i redditi più bassi, che avrebbe un duplice effetto sia sulla disponibilità del reddito sia sui consumi interni. Dare un assegno una tantum - o attraverso le detrazioni o un vero e proprio assegno - per gli incapienti di 500 euro sarebbe già una cosa molto importante. Assegno di 500 euro per chi ha un reddito inferiore ai 15mila euro lordi l'anno".

Tags:
tassegovernorenzi
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.