A- A+
Politica
Ira di mamma Meloni su Rula Jebreal. "Si vergogni questa pseudo giornalista"

Mamma Meloni ripercorre parte della storia con l'ex marito, Francesco Meloni cercando di mettere una netta distanza tra la sfera privata e quella pubblica


"Si vergogni questa pseudo giornalista che si permette di cianciare su mia figlia utilizzando un padre che a Giorgia è costato solo lacrime, e da cui non ha mai avuto il sollievo di una carezza o di un bacio, per non dire un piatto di minestra". Anna Paratore, mamma di Giorgia Meloni, non usa mezzi termini. Il bersaglio è Rula Jebreal. Gli attacchi della scrittrice palestinese, emblema della sinistra radical chic, continuano a tenere banco. Le polemiche non si placano. "Questa signora attribuisce a Giorgia parole mai pronunciate, concetti violenti e stupidi mai partoriti soprattutto perché, a differenza di tanti bei faccini che fanno carriera sgomitando o grazie ad amicizie importanti, mia figlia scema non è e quando parla sa ciò che dice", osserva mamma Anna in una nota pubblicata dai parlamentare di Fratelli d'Italia. Poi ripercorre parte della storia con l'ex marito, Francesco Meloni cercando di mettere una netta distanza tra la sfera privata e quella pubblica.

"La mia storia con il padre delle mie figlie non è materia pubblica, così come non credo lo sia la vita di un uomo che è mancato già da svariati anni. Infatti, l'ultima volta che le mie bambine e io lo abbiamo incontrato è stato in un lontano pomeriggio intorno al 1988, a Villa Borghese, un giardino pubblico romano, dove aveva chiesto di rivedere le sue figlie dopo che da circa 5 anni non avevano sue notizie". Giorgia aveva undici anni. Era una bambina e come la sorella si ricordava a malapena di quell'uomo che le aveva lasciate sole. Si faceva chiamare Franco, racconta Anna Paratore "perché sosteneva che "papà" lo invecchiasse". Fu un incontro "inutile e superficiale". Da quel giorno buio totale. Francesco Meloni "per quello che ne sapevamo noi, poteva essere morto, o felicemente vivo in qualche parte del mondo". Lui non cercava le figlie e le figlie non hanno mai cercato lui.

Poi accade che Giorgia viene nominata vicepresidente della Camera. È il 2006 e Silvio Berlusconi, ancora oggi suo alleto, è presidente del Consiglio. "Ecco arrivare la telefonata di un amico comune. "Franco" avrebbe avuto piacere di rivedere le ragazze: Giorgia disse di no. Come fa sempre, argomentò il suo diniego: "Perché dovrei vedermi con una persona che se incontro per strada nemmeno riconosco? Non ho niente da dirgli"", ricorda Anna. Che Giorgia e il padre non avessero mai avuto rapporti, del resto, lo sapevano tutti. E sta proprio qui la bassezza della Jebreal. La signora Anna non ci sta. "Dopo che per anni ho sopportato i peggiori insulti nei confronti di Giorgia, bugie e mistificazioni di tutti i tipi, calunnie vergognose che, detto per inciso, se in Italia sei di destra non riesci nemmeno a far condannare in un'aula di tribunale, sono davvero stufa".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    rula jebreal mamma meloni





    in evidenza
    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    L'intervista sul Nove

    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    
    in vetrina
    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


    motori
    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.