A- A+
Politica
De Magistris sceriffo "copia" Salvini

De Magistris come Salvini? Sembra impossibile ma è così. Il sindaco di Napoli ha firmato un’ordinanza che sembra uscita dagli uffici di Via Bellerio, sede della Lega Nord. Guai ai mendicanti, basta con la tolleranza buonista, e via alle multe a chi rovista nei rifiuti per rivendere quel che trova nei mercatini clandestini. La sinistra diventa destra. Mesi fa era la sinistra di Vendola a in croce il sindaco di Castellammare, quando il comune era berlusconiano, perché disponeva esattamente ciò che oggi de Magistris ordina. Non si possono multare i poveri, è immorale: questo diceva. Ora, invece, Sel tace, distratta dalle nuove alleanze in costruzione a Napoli. Due pesi e due misure, dunque. Tipico della politica italiana. Ragioni sanitarie e ragioni di civiltà impongano regole e comportamenti inderogabili. Tuttavia, è inutile farsi illusioni: ordinanze come quelle firmate a Castellammare e a Napoli placano gli umori più accesi, ma non risolvono i problemi più di fondo. Chi è povero al punto da rovistare nei rifiuti è presumibilmente un nullatenente, e i nullatenenti non pagano le multe. Che lo sappiano, se non lo sanno, sia Salvini sia de Magistris. Punto.

Tags:
de magistris
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.