A- A+
Politica
Scuola, fumata nera sindacati-Giannini. "Avanti con la mobilitazione"

Il ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca, Stefania Giannini, ha incontrato oggi al Miur i sindacati della scuola in merito al ddl di riforma rivolgendo loro un appello al "senso di responsabilita'" in vista delle prossime mobilitazioni che, come annunciato dagli stessi sindacati di settore, potrebbero coincidere con il periodo degli scrutini. "Continua il confronto avviato dal Governo sul disegno di legge 'La Buona Scuola' - ha sottolineato Giannini al termine della riunione - Nell'incontro di oggi siamo entrati ulteriormente nel dettaglio del provvedimento in vista del passaggio al Senato, i cui lavori cominceranno nei prossimi giorni".

Il ministro ha ribadito che il ddl 'La Buona Scuola' "rappresenta un punto centrale dell'azione di questo Governo. Noi - ha aggiunto - crediamo che il nostro provvedimento proponga un ribaltamento di paradigma perche', a differenza del passato, non si effettuano tagli ma si stanziano fondi, si affronta il tema del precariato dando una risposta importante attraverso un piano di assunzioni straordinario e si ripristina quanto previsto dalla Costituzione con l'accesso all'insegnamento per via concorsuale". Nel corso dell'incontro, il Ministro ha osservato che "l'impianto generale del disegno di legge va salvaguardato nel passaggio al Senato perche' autonomia, valutazione e merito per noi restano centrali" sottolineando, pero', che sul tema della valutazione e' possibile "specificare ulteriormente i contenuti del testo per garantirne ancora di piu' l'oggettivita' pensata e voluta dal Governo".

Scuola: sindacati-Giannini,fumata nera "avanti con mobilitazione" - Si e' concluso con un nulla di fatto l'incontro sulla riforma della scuola tra i sindacati di categoria e il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini. A renderlo noto sono stati i rappresentanti degli stessi sindacati uscendo dal Dicastero di viale Trastevere. "E' stato un incontro deludente - ha spiegato ai cronisti il segretario generale della Cisl Scuola, Francesco Scrima - con una netta chiusura da parte del ministro per quanto riguarda la questione del precariato e la questione delle prerogative dei dirigenti scolastici. Abbiamo registrato soltanto una piccola apertura per quanto riguarda la presenza di genitori e studenti nel meccanismo di valutazione dei docenti, ma il giudizio complessivo resta assolutamente negativo e confidiamo nel dibattito al Senato. Resta confermata la mobilitazione, incluso lo sciopero degli scrutini".

"L'incontro e' andato esattamente come previsto, e' stato di pura cortesia", ha aggiunto il coordinatore nazionale della Gilda degli insegnanti, Rino Di Meglio. "Al momento - ha proseguito Di Meglio - non c'e' la possibiilta' di una mediazione tra il governo e i sindacati". "Non c'e' stata alcuna risposta concreta - ha affermato il segretario generale della Flc Cgil, Domenico Pantaleo - e quindi continueremo la nostra battaglia con lo sciopero degli scrutini e delle manifestazioni che si terranno in tutto il Paese il prossimo 5 giugno. Questa riforma e' inaccettabile, incostituzionale - ha proseguito Pantaleo - e non apporta nessun cambiamento vero nel mondo della scuola. Anzi, con questo provvedimento la scuola pubblica ritorna indietro, ad un modello autoritario".

Tags:
scuolasindacatigianninimobilitazione
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.