A- A+
Politica
Sondaggi, 2 italiani su 3 temono l'atomica. L'Onu ordina il ritiro ai russi

Guerra Russia Ucraina, il 48% degli italiani: inopportuno inviare armi

Ad un anno dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha chiesto il ritiro "immediato" delle truppe russe, auspicando una pace "giusta e duratura". La risoluzione ha ricevuto 141 voti a favore, sette contrari e 32 Paesi si sono astenuti, tra cui Cina e India. Da un anno - si legge sul Fatto Quotidiano - tutti i sondaggi concordano nel dire che la maggioranza degli italiani è contraria all’invio di armi in Ucraina, contraria all’aumento delle spese militari, contraria a ogni iniziativa che possa provocare un'escalation. Punti fermi ribaditi dall’ultima indagine Demopolis e che fanno rima con una ricerca appena pubblicata dall’"European council of foreign relations", uno dei più noti think tank europei, in occasione dell’anniversario dell’aggressione russa all'Ucraina. L’ente ha svolto migliaia di interviste in 9 Paesi Ue e in alcune grandi potenze globali (Usa, Cina, Russia, India, Gran Bretagna, Turchia) riuscendo così a confrontare la percezione della guerra sia tra l’Occidente e il resto del mondo sia tra gli Stati membri dell’Unione europea.

Ed è proprio qui - prosegue il Fatto - che emergono le specificità dell’Italia. In Europa, infatti, l’opinione prevalente, scelta in media dal 38 per cento degli intervistati, è che “l’Ucraina debba riconquistare tutto il suo territorio”. In Italia le proporzioni si ribaltano: il 41 per cento è a favore dell’immediata conclusione della guerra, mentre solo il 26 per cento chiede che si vada avanti finché Kiev non sarà tornata in possesso di tutti i suoi territori. In questo contesto appaiono allora coerenti i dati dell’ultima ricerca dell’istituto Demopolis. Il sondaggio indica che il 48 per cento considera "inopportuno" un nuovo invio di armi a Kiev (il 43 per cento è invece favorevole, con una particolarità: solo il 25 per cento tra gli elettori leghisti dice sì), ma soprattutto più di 2 italiani su 3 (68 per cento) temono "molto o abbastanza" il rischio di "una escalation nucleare e di una terza guerra mondiale". Soltanto il 25 per cento si definisce tranquillo rispetto a questi scenari.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bomba atomicaguerra russia ucraina





in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.