A poche ore dalle Primarie il PD resta primo partito con il 28%, ma la coalizione di Centro Destra, se unita, supererebbe oggi di 3 punti il Centro Sinistra. È il dato che emerge dal Barometro Politico di dicembre dell'Istituto Demopolis. Mentre prosegue la ripresa del Movimento 5 Stelle, posizionato oggi al 23%, il Centro Destra sembra beneficiare, per il momento, della scissione del PDL e dell'uscita dalla maggioranza di Forza Italia dopo la decadenza di Berlusconi. L'Istituto diretto da Pietro Vento ha fotografato il consenso nelle ultime settimane: se il 12 novembre il PDL unito si attestava al 23%, oggi Forza Italia otterrebbe il 21,5%, il Nuovo Centrodestra di Alfano il 7%. Se alleati, i due partiti raggiungerebbero il 28,5%, con un incremento in 20 giorni - secondo i dati di Demopolis - di quasi 6 punti percentuali rispetto al PDL. Restano tendenzialmente stabili la Lega Nord al 3,6 e Fratelli d'Italia al 2,4.

1.Partiti Demopolis Dic
 

Nonostante l'attenzione mediatica, l'effetto Primarie non sembra aver determinato una crescita del consenso per il Partito Democratico, stabile al 28%. Si riduce leggermente il peso degli alleati, con SEL che scende al 3%. Si confermano in, in base ai dati dell'Istituto Demopolis, le difficoltà dei Centristi, con l'UDC al 2,5% e Scelta Civica al 2%, entrambi penalizzati dalla nascita del NCD. Sotto il 2% le altre liste.

Gli eventi degli ultimi giorni hanno anche determinato una ulteriore evoluzione nel consenso, da mesi altalenante, alle due principali coalizioni: il Centro Sinistra si attesta al 32%, superato di tre punti dai partiti del Centro Destra che raggiungerebbero oggi il 35%. Prosegue intanto la crescita del M5S di Grillo, che si sta progressivamente riavvicinando al dato delle Politiche di febbraio. "Si tratta - sostiene il direttore di Demopolis Pietro Vento - di dati destinati a mutare significativamente nelle prossime settimane. Peseranno sulle intenzioni di voto degli italiani la probabile vittoria di Matteo Renzi alle Primarie del PD dell'8 dicembre e le scelte del Governo Letta: la crisi economica ed occupazionale non potrà non incidere sugli esiti delle prossime competizioni elettorali. Con tre grandi minoranze sotto il 40% - conclude Vento - sarà cruciale il sistema elettorale con il quale ci si recherà alle urne".

2.Coalizioni Demopolis Dic
 


Nota informativa
L'indagine è stata condotta dall'Istituto Demopolis dal 2 al 4 dicembre 2013 su un campione di 1.000 intervistati, rappresentativo dell'universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età, titolo di studi ed area geografica di residenza. Direzione del Barometro Politico Demopolis a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione con metodologia cati-cawi di Marco E. Tabacchi. Approfondimenti sul sito www.demopolis.it

2013-12-05T12:39:14.4+01:002013-12-06T12:39:00+01:00truetrue1426116falsefalse6Politica/politica4131026713562013-12-05T12:39:14.463+01:0010562013-12-07T20:03:53.797+01:000/politica/sondaggio-il-pd-resta-il-primo-partitofalse2013-12-07T16:20:59.863+01:00310267it-IT102013-12-06T12:39:00"] }
A- A+
Politica
Renzi 1
 

A poche ore dalle Primarie il PD resta primo partito con il 28%, ma la coalizione di Centro Destra, se unita, supererebbe oggi di 3 punti il Centro Sinistra. È il dato che emerge dal Barometro Politico di dicembre dell'Istituto Demopolis. Mentre prosegue la ripresa del Movimento 5 Stelle, posizionato oggi al 23%, il Centro Destra sembra beneficiare, per il momento, della scissione del PDL e dell'uscita dalla maggioranza di Forza Italia dopo la decadenza di Berlusconi. L'Istituto diretto da Pietro Vento ha fotografato il consenso nelle ultime settimane: se il 12 novembre il PDL unito si attestava al 23%, oggi Forza Italia otterrebbe il 21,5%, il Nuovo Centrodestra di Alfano il 7%. Se alleati, i due partiti raggiungerebbero il 28,5%, con un incremento in 20 giorni - secondo i dati di Demopolis - di quasi 6 punti percentuali rispetto al PDL. Restano tendenzialmente stabili la Lega Nord al 3,6 e Fratelli d'Italia al 2,4.

1.Partiti Demopolis Dic
 

Nonostante l'attenzione mediatica, l'effetto Primarie non sembra aver determinato una crescita del consenso per il Partito Democratico, stabile al 28%. Si riduce leggermente il peso degli alleati, con SEL che scende al 3%. Si confermano in, in base ai dati dell'Istituto Demopolis, le difficoltà dei Centristi, con l'UDC al 2,5% e Scelta Civica al 2%, entrambi penalizzati dalla nascita del NCD. Sotto il 2% le altre liste.

Gli eventi degli ultimi giorni hanno anche determinato una ulteriore evoluzione nel consenso, da mesi altalenante, alle due principali coalizioni: il Centro Sinistra si attesta al 32%, superato di tre punti dai partiti del Centro Destra che raggiungerebbero oggi il 35%. Prosegue intanto la crescita del M5S di Grillo, che si sta progressivamente riavvicinando al dato delle Politiche di febbraio. "Si tratta - sostiene il direttore di Demopolis Pietro Vento - di dati destinati a mutare significativamente nelle prossime settimane. Peseranno sulle intenzioni di voto degli italiani la probabile vittoria di Matteo Renzi alle Primarie del PD dell'8 dicembre e le scelte del Governo Letta: la crisi economica ed occupazionale non potrà non incidere sugli esiti delle prossime competizioni elettorali. Con tre grandi minoranze sotto il 40% - conclude Vento - sarà cruciale il sistema elettorale con il quale ci si recherà alle urne".

2.Coalizioni Demopolis Dic
 


Nota informativa
L'indagine è stata condotta dall'Istituto Demopolis dal 2 al 4 dicembre 2013 su un campione di 1.000 intervistati, rappresentativo dell'universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età, titolo di studi ed area geografica di residenza. Direzione del Barometro Politico Demopolis a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione con metodologia cati-cawi di Marco E. Tabacchi. Approfondimenti sul sito www.demopolis.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sondaggiopdpdlberlusconidemopolis
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”

WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.