A- A+
Politica
Ucraina, dalla sconfitta di Putin al declino cinese: i piani teorici di Soros
George Soros

Ecco l’ Agenda dei Progressisti e dei Democratici a livello mondiale. La detta il magnate George Soros

“L'Ucraina”, ha “una ristretta finestra di opportunità entro questa primavera, quando riceverà gli armamenti promessi, per lanciare un contrattacco che determinerebbe il destino dell'invasione russa dell'Ucraina”. Tradotto: entro questa primavera la Russia deve essere sconfitta, la partita di fatto si gioca in quest'anno. Grazie ad un imponente contrattacco ucraino, garantito dai rifornimenti di armi occidentali, si può chiudere la partita.

Parola di George Soros, l’imprenditore e finanziere più discusso degli ultimi decenni che da diversi anni detta, o interpreta direbbe qualcuno, meglio di altri l’Agenda dei Progressisti e Democratici a livello mondiale. Il 16 febbraio il magnate è intervenuto a Monaco di Baviera in occasione della conferenza sulla Sicurezza Globale ed ha tracciato le linee guida da seguire, cosa aspettarsi negli scenari globali tra guerra in Ucraina, cambiamento climatico, elezioni negli USA e rivoluzioni in Cina. A latere la situazione dei cosiddetti Paesi Brics, Turchia, Brasile e India. Non a caso la propaganda progressista si muove da tempo nello stesso alveo segnato dal magnate. 

L’ Agenda dei Progressisti e dei Democratici dettata da George Soros. La guerra spiegata da Soros: a primavera l’offensiva Ucraina. Puntare sulla dissoluzione della Russia

La guerra in Ucraina va chiusa. “I paesi dell'ex Unione Sovietica”, spiega il magnate famoso per le sue speculazioni finanziarie, “non vedono l'ora di vedere i russi sconfitti in Ucraina perché vogliono affermare la loro indipendenza. Ciò significa che una vittoria ucraina comporterebbe la dissoluzione dell'impero russo. La Russia non rappresenterebbe più una minaccia per l'Europa e il mondo. Sarebbe un grande cambiamento in meglio. Porterebbe un enorme sollievo alle società aperte e creerebbe enormi problemi a quelle chiuse”.

Per questo “l'Ucraina”, ha “una ristretta finestra di opportunità entro questa primavera, quando riceverà gli armamenti promessi, per lanciare un contrattacco che determinerebbe il destino dell'invasione russa dell'Ucraina”. Una valutazione piuttosto preoccupante che prefigura scenari di guerra al cardiopalma e un dramma per noi europei, vicini alla guerra a differenza degli Stati Uniti. I venti di conflitto si stanno alzando e l’Agenza Progressista sta creando il terreno utile per un’accelerazione e nuovi investimenti militari a Kiev

“Il 22 dicembre”, spiega Soros, “il presidente ucraino Zelensky è volato a Washington per discutere la situazione con il presidente Biden. Hanno convenuto che l'unico modo per porre fine alla guerra è vincerla”. Una strategia sottile che neanche Sun Tzu pronosticherebbe. “Ma Biden”, continua l’imprenditore, “ha avvertito Zelensky che c'erano dei limiti a ciò che è disposto a fare. Occorre evitare a tutti i costi una terza guerra mondiale e preservare il sostegno dell'Europa all'Ucraina. L'amministrazione Biden sta fornendo all'Ucraina le armi, difesa aerea, carri armati e munizioni in abbondanza, necessarie per sconfiggere un assalto russo e per scoraggiare quelli futuri”. Però i Repubblicani USA fanno muro e non consentono la consegna di più armamenti.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
agenda progressistiatomicabrasilecinacontrattaccodemocraticigeorgeguerramonaco 2023nucleareputinrussiasicurezzasorosturchiaucrainaxi jinping





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.