A- A+
Politica
Tangentopoli, 30 anni dopo: per Paolo Brosio "oggi ci vorrebbe Viropoli"
Paolo Brosio nel 1992 era l'inviato del Tg4 di Emilio Fede di fronte al Palazzo di Giustizia di Milano (Imagoeconomica)

Tangentopoli 1992/2022, Brosio: "Oggi ci vorrebbe Viropoli"

"Trent'anni dopo mani pulite e il crollo del sistema politico del tempo, che fecero prevalere il potere giudiziario, è il crollo della sanità a mettere oggi in ginocchio il Paese e la sua classe politica: se ieri non potevi nominare invano il nome di Craxi, guai oggi a criticare i vaccini'': lo dice all'Adnkronos Paolo Brosio, volto storico e cronista di Mani Pulite, che seguì interamente le inchieste giudiziarie sul sistema delle tangenti partite nel 1992 e che portarono allo scioglimento della Dc e del Psi e alla fine della Prima Repubblica. 

"Sono venute meno le libertà costituzionali"

"Se i giudici furono allora la medicina amara, perché spetta alla classe politica trovare delle soluzioni uscendo dalla stretta della burocrazia, mi auguro che anche adesso la magistratura sia solerte e faccia luce su questi due anni folli che abbiamo vissuto: ora più che mai, dovrebbe scoppiare una 'Viropoli' che faccia trapelare i tanti errori commessi, a partire dall'uso eccessivo dei decreti a causa dei quali sono venute meno le libertà costituzionali. E poi il 'ricatto' del green pass', per non parlare del ricorso alla farmacovigilanza passiva e all'autorizzazione di terapie con farmaci che inibiscono il sistema immunitario...''.

"Sia Mani Pulite che il Covid sono state uno tsunami"

Per Paolo Brosio, in una prossima ipotetica "Viropoli" ci vorrebbe un'inchiesta sui ''50mila medici di base, più i circa 20mila medici di guardia: con gli altri generici abbiamo circa 90 mila dottori che sono stati a casa. Invece di dire sì al paracetamolo, avrebbero dovuto emanare un ordine di servizio per mandarli a visitare a casa della gente. E invece chi si è ammalato è andato a morire in ospedale. Dovrà anche venire fuori - rincara - che siamo diventati un popolo di 60 milioni di topi che comprano e si inoculano il vaccino per ricevere in cambio dall'Europa i miliardi del Pnrr. Così come accadde con 'Mani pulite' il virus si è rivelato uno tsunami che ha evidenziato le debolezze della politica, mettendola davanti all'evidenza di quanto mancasse di autorevolezza: non siamo stati capaci di una politica sanitaria, di eleggere un presidente della Repubblica, e qualsiasi decisione è diventata autoritaria con il ricorso ai decreti. Personalmente non sono contrario ai vaccini - spiega - ma non è una decisione che può essere imposta, soprattutto per il fatto che si tratta di sieri con poca sperimentazione. E ciascun cittadino dev'essere lasciato libero di decidere in autonomia e non attraverso il ricatto del green pass. E' necessario un ritorno alla politica autorevole, non autoritaria come quella che abbiamo visto in questi due anni''.

 

Leggi anche:

Tangentopoli 30 anni dopo, il suicidio di Cagliari e il carcere come tortura

Tangentopoli, 30 anni dopo: per Cirino Pomicino "non fu un golpe giudiziario"

Pisapia a tutto campo, dall'UE alla Lombardia: "Draghi? Ci serve al Governo"

Commenti
    Tags:
    paolo brosiotangentopoli





    in evidenza
    Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

    Guarda il video

    Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

    
    in vetrina
    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


    motori
    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.