A- A+
Politica


 

civati

Guglielmo Epifani, segretario del Partito Democratico, in una dichiarazione  ad Affaritaliani.it, si esprime chiaramente sulla possibilità che il congresso del Pd venga rinviato a gennaio. Il segretario rispondendo alla domanda di Affaitaliani.it spiega: "Se smentisco il rinvio del congresso? Perché dovrei smentire qualcosa che non ho mai detto?". E sulla possibilità che si ricandidi in ottica futura alla leadership del partito se la cava con la diplomazia: "Ma le pare che con il lavoro che sto facendo questa può essere una domanda alla quale possa dare una risposta adesso?".

INTERVISTA A PIPPO CIVATI

"Rinviare il congresso del Pd? Una pazzia, il partito non reggerebbe più. L'idea per la quale se facciamo ilcongresso indeboliamo il governo non sta in piedi". Giuseppe Civati, candidato alla segreteria del Pd, con un'intervista ad Affaritaliani.it, blocca sul nascere l'idea di rimandare il congresso al 2014, come alcuni lettiani vorrebbero. E proprio sui supporter del premier dice: "Possono scegliere un loro candidato per la segreteria. D'altronde ora sono una piccola maggioranza che però decide moltissimo. Vediamo se ad ottobre saranno diventati la maggioranza del Pd”. Poi bacchette Renzi: " Deve dire dove ci vuol portare. Prima tifava per il governo Letta e ora lo vuol far cadere". Infine boccia l'idea di separare la figura del segretario del Pd da quella del candidato premier.

Si dice che la componente più vicina a Letta voglia rinviare il congresso del Pd?
"Lo dico in due parole: sono pazzi".

Perché?
"L'idea per la quale se facciamo il congresso indeboliamo il governo non sta in piedi. Mi chiedo se questo governo sia un argomento che ci impedisce di fare le cose di buon senso. Nel Pd si è dimesso un segretario e ne abbiamo eletto uno con mezza assemblea nazionale. Assemblea eletta nel 2009, priva cioè di qualsiasi titolarità rispetto alle scelte future: nel senso che mi pare problematico che quelli eletti nel 2009 decidano per il 2017 visto che il mandato del segretario è quadriennale".

Detto questo?
"Se abbiamo dei problemi all'interno del Pd è giusto confrontarci. I lettiani possono scegliere un loro candidato per la segreteria. D'altronde ora sono una piccola maggioranza che però decide moltissimo. Vediamo se ad ottobre saranno diventati la maggioranza del Pd. Ma vorrei lanciare un allarme..."

Ovvero?
"Se rinviamo il congresso il Pd non regge più. E' necessario fare un congresso aperto: di chi abbiamo paura? Degli infiltrati di Grillo? Il problema non è quello di avere timore degli infiltrati ma di portare al congresso più gente possibile. Magari ci fossero questi infiltrati".

Lei conferma la sua candidatura alla segreteria?
"Assolutamente sì. Sono uno dei pochi del Pd che tende a non cambiare idea".

L'elezione del segretario deve avvenire attraverso primarie aperte?
"Certamente. Le regole non le possiamo cambiare adesso. Se il problema una volta era quello di avere troppi elettori ora è quello di averne troppo pochi. Serve un congresso apertissimo".

Epifani è giusto che si ricandidi?
"Mi pare che lo farà. Bisognerà vedere quanti saranno i candidati".

Si aspetta la candidatura di alcune donne del Pd?
"Arriveranno anche loro. Spero solo che i candidati siano tanti".

Epifani ha dichiarato che la figura del segretario verrà scissa da quella del candidato premier. E' una soluzione che la trova d'accordo?
"No. Lascerei la scelta a chi si candida alla segreteria senza cambiare lo statuto. Ricordo che sei mesi fa, proprio per non modificarlo, abbiamo fatto una deroga per far partecipare Renzi. Non si capisce perché le stesse persone, dopo sei mesi, vogliono fare una norma definitiva. Quindi se Pippo Civati si candida dirà se vuole candidarsi alla segreteria e anche alla premiership. Quello sullo statuto è uno dei dibattiti più stupidi del mondo".

Renzi dovrebbe candidarsi alla segreteria?
"Intanto deve chiarire una cosa: in queste ore dice di voler far cadere il governo, ma nel suo libro, che ho appena finito di leggere, sostiene che il governo Letta debba durare il più possibile. Non riesco a capire che cosa voglia fare".

La sta deludendo?
"No. Anzi, Renzi mi pare in grande forma. Deve dire però dove ci vuole portare. Prima tifava per Letta e ora lo vuol far cadere. Comunque dovrebbe candidarsi alla segreteria e alla premiership. Matteo è un interlocutore molto importante".

Sembra però che Renzi punti su Chiamparino per la segreteria...
"Anche qui non si capisce. Se il suo candidato è Chiamparino bene, così si chiariscono un po' di cose. Io non ho paura, faccio la mia battaglia che so di essere di una parte come ovvio che sia. Finisco con una battuta: una volta Berlusconi si salvava dal processo, ora noi ci vogliamo salvare dal congresso".

Daniele Riosa  twitter@DanieleRiosa

Tags:
civatirenzicongresso

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.