A- A+
PugliaItalia
Ancora un morto all'Ilva, Emiliano: 'La nostra pazienza è finita!'

Ennesimo incidente sul lavoro all'Ilva di Taranto, dove Giacomo Campo - un operaio di 24 anni dipendente della Steel Service, una delle tante ditte ditte esterne che operano all’interno dello stabilimento Ilva di Taranto - è rimasto investito, per causa ufficialmente ancora da chiarire, dal carrello proveniente da un nastro trasportatore che lo ha ucciso.

Ilva fuoco fusione
 

Dalle prime ricostruzioni pare che il 24enne avesse da poco cominciato il proprio turno di lavoro nel reparto AFO4 e pare che il nastro fosse stato fermato poche ore prima a causa di un malfunzionamento. Complicatissime le operazioni per rimuovere il corpo del giovane rimasto incastrato nel tamburo del nastro.

"La nostra pazienza è finita. La fabbrica è troppo vecchia e insicura", ha tuonato dalla sua pagina Facebook Michele Emiliano, "Ci ha portato ancora una volta via un giovane di soli 25 anni. Il dolore della Puglia diventa rabbia incontenibile".

"La nostra voce non arriva alle orecchie di chi ha il dovere di ascoltarla", aggiunge il Presidente della Regione Puglia, "La vergogna ricada su chi ha impedito per legge alla Magistratura di pretendere la messa in sicurezza dello stabilimento con legge dello Stato. La stessa vergogna ricada su coloro che consentono per legge il funzionamento della fabbrica che uccide i tarantini con il suo inquinamento".

IMG 2725
 

"La Regione Puglia - conclude il post di Emiliano - con i suoi avvocati chiederà alla magistratura di Taranto di rimettere alla Corte Costituzionale la questione di costituzionalità dei decreti Salva-Ilva che appaiono oggi platealmente illegittimi".

"La morte dell'operaio Giacomo Campo mi addolora profondamente. Mi stringo ai suoi cari e alla sua comunità" ha invece dichiarato il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti.

"Una tragedia" dichiara la viceministro Teresa Bellanova da Taranto, dove si è immediatamente recata dopo aver appreso la notizia, e da dove è in comunicazione con il Presidente Matteo Renzi, che ha chiesto di essere costantemente informato. "C'è urgentissima necessità di comprendere come sia potuta accadere questa tragedia e per quali cause il nastro trasportatore abbia ceduto. In questa direzione siamo già impegnati con i vertici dell'azienda. Mi auguro che dinanzi a un evento così drammatico e lacerante e che falcia una vita così giovane, nessuno, ripeto nessuno, voglia accomodarsi al tavolo degli opportunismi di qualsiasi natura".

"Ancora un morto in Ilva. Ancora una volta siamo costretti a registrare l'ennesimo incidente che spezza una giovane vita", sottolinea in una nota il deputato di Gianfranco Chiarelli (CoR), "Ora ci sarà l'inchiesta di rito, forse si individueranno delle responsabilità, ma nessuno ridarà alla famiglia un figlio. La realtà è che lo stabilimento continua a macinare debiti su debiti, è ormai fuori dal mercato, e produce ancora inquinamento e morte". Secondo Chiarelli: "E' giunto il momento che il governo assuma decisioni serie, dopo aver temporeggiato con provvedimenti che sono serviti solo a prendere tempo". 

Angelo Bonelli dei Verdi: “E’ morto un altro giovane operaio dell’Ilva. Intollerabile tributo di vite umane nella città di Taranto. Che profonda tristezza“.

(gelormini@affaritaliani.it)

----------------------------------

Pubblicato sul tema: Congresso Mondiale Epidemiologia L'impennata di tumori in Puglia

                               Enel Brindisi, No carbone Chiudere e bonificare

                               Ilva, ennesimo incidente sul lavoro. Commenti e reazioni dei politici

                               ILVA di Taranto, morte bianca e polveri nere

Tags:
ilva taranto pazienza morto nastro chiusamichele emiliano ilva morto giacomo campo taranto
i blog di affari
Cdx, le liti regalano Milano a Sala. La Destra meneghina non esiste più
di Maurizio De Caro
Green pass, tracciamento digitale per riavere diritti sequestrati in lockdown
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.