A- A+
PugliaItalia
Andria, arrestato l'Assessore Lotito

MONZA, 11 DIC - Appalti per un valore complessivo di oltre 260 milioni di euro con il pagamento di tangenti a politici locali e funzionari pubblici che, in cambio, si sarebbero adoperati direttamente e indirettamente per manipolare le procedure delle gare.

E' il fulcro della inchiesta di Monza che ha portato a 26 arresti, tra cui un assessore di Andria Francesco Lotito. Al centro della vicenda la Sangalli Giancarlo, società attiva nella raccolta e dello smaltimento dei rifiuti.

Tangenti scaricate sui costi dei servizi a cittadini, attraverso l’imposizione della raccolta porta a porta in sostituzione delle modalità precedenti.

Tra i video delle fiamme gialle girati durante i servizi di appostamento effettuati nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Monza che ha portato all'arresto di 26 persone, 12 delle quali ai domiciliari, ce n'è uno in cui Lotito (ora in carcere), nella stazione Termini di Roma, riceve da uno dei componenti della famiglia Sangalli, una tranche della tangente in contanti in un sacchetto del grande magazzino.

Tags:
andriasangallilotitorifiutitangentiarresto
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.