A- A+
PugliaItalia
Ciannamea

“Il vertice della Asl di Brindisi è oggetto di una vera campagna di intimidazione. Il direttore amministrativo, il dott. Stefano Rossi, ha avuto l’automobile incendiata e l’altra sera è stato picchiato a sangue nel garage della sua abitazione. La dott.ssa Paola Ciannamea, direttore generale della Asl di Brindisi, ha ricevuto una busta con tre proiettili. Stiamo parlando del vertice di un’azienda sanitaria che è impegnata in una importante opera di moralizzazione”.

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola che ha incontrato in Presidenza il direttore generale della Asl di Brindisi, dott.ssa Paola Ciannamea.

Rossi Stefano

“Il coraggio però con cui si sta procedendo, meriterebbe più considerazione da parte degli attori sociali e delle forze professionali – ha sottolineato Vendola -  l’Asl di Brindisi e la dott.ssa Ciannamea hanno combattuto in totale solitudine, e questo non è accettabile”.

Per Vendola “l’auspicio è che le autorità inquirenti possano compiere le operazioni di monitoraggio in profondità”.

“Chi pensa – ha concluso Vendola - di avvolgere i nostri ospedali con una cortina fumogena oltre la quale è possibile immaginare che la sanità non serve a curare gli ammalati ma serve a curare un altro genere di interessi, si sbaglia di grosso. Questi signori devono essere colpiti. Chi invece opera per la legalità e per la moralità deve essere tutelato. Oggi sono particolarmente orgoglioso di salutare in Paola Ciannamea un esempio”.

 

Tags:
vendolarossiaslbrindisiproiettiliagguatosolidarietà
Loading...
i blog di affari
Eriksen, la svolta del calcio: da spettacolo del business a lezione di umanità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.