A- A+
PugliaItalia
Carrieri: 'La sofferenza del Santa Chiara al porto'

"Ho voluto constatare di persona quella che alcuni organi di stampa hanno definito “occupazione abusiva” dell’ex monastero di Santa Chiara fronte porto di Bari (nei pressi del Castello Svevo), segnala e denuncia Giuseppe Carrieri - Consigliere neoeletto con lista Impegno Civile per Bari a Palazzo di Città

"Il complesso infatti è oggetto da tempo di una ristrutturazione - cofinanziata dall’Unione Europea - finalizzata a restituire alla Città un immobile di rara bellezza e a trasferire nei nuovi locali gli uffici della soprintendenza ai Beni architettonici. Cosi’ da “liberare” il Castello Svevo, da uffici e auto; e farlo rinascere come contenitore museale, esponendo tesori mai visti in pubblico e stipati nei depositi".

Carrieri
 

"I lavori di restauro sono stati già aggiudicati lo scorso 13 marzo e le regole dei fondi europei -attraverso i quali sono stati reperiti gli 8 milioni di euro necessari - non consentono ritardi: il 30 giugno 2015 è il termine ultimo consentito per la fine dei lavori".

"Fatto sta - prosegue Carrieri - che da qualche mese una trentina di migranti/rifugiati politici ha occupato Santa Chiara e impedisce la consegna dell’immobile all'impresa aggiudicataria dei lavori di restauro. La Soprintendenza ha denunziato l’occupazione alle “autorità competenti”; ma tutto resta 'immobile'".

Carrieri S.Chiara2
 

"Al mio arrivo sul posto ho trovato una troupe giornalistica di Luca Turi. Pensavo che anche loro dovessero realizzare un servizio sul tema, anche in considerazione dello stato di profondo degrado in cui versa il complesso (erbacce/rifiuti/no luce e acqua); mi hanno detto che erano invece venuti a riprendere i locali seminterrati dell’immobile, dove insiste l'archivio dei disegni storici e dei rilievi della Soprintendenza ai Beni architettonici di Bari. Locali che - allo stesso modo - pare siano in totale e completo abbandono, alla mercè peraltro degli occupanti".

"Orbene sia a loro che a me - alcuni degli occupanti - ha impedito fisicamente l’accesso con minacce e intimidazioni. Sicchè siamo stati costretti a chiamare la Pubblica Sicurezza per avere assistenza e capire cosa stesse accadendo. Mi sono premurato di chiamare anche alcuni “amici” parlamentari e ho avuto la fortuna di trovare a Bari l’On.Salvatore Matarrese che, dopo un po’, ci ha raggiunto".

Carrieri S.Chiara4
 

"Alle ore 13,30 circa siamo andati via: la troupe di Turi, l’On.Matarrese e io (umile consigliere comunale di Bari), senza peraltro aver potuto accedere ai locali (occupati) pubblici di proprietà del Ministero dei Beni Culturali, apprendendo, come ci ha spiegato la Polizia di Stato (nel frattempo) intervenuta:

- che al momento - per motivi di ordine pubblico - è impossibile sgomberare il bene e restituirlo al legittimo proprietario (lo Stato), nonostante si stessero compiendo numerosi reati (occupazione, invasione, danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, etc.);

- che al momento è impossibile allontanare gli occupanti per assenza di luoghi alternativi ove allocarli, malgrado al momento più o meno tutte le Istituzioni siano al corrente dell’occupazione;

- che al momento è impossibile - per noi - accedere all’edificio, in quanto pericolante e privi di apposita autorizzazione…….

Carrieri S.Chiara3
 

"So che è periodo di ferie estive e molti hanno ben altro da fare. Ma un'oretta di fronte all’ex monastero di Santa Chiara penso possa - ancor meglio - far capire ai Cittadini perché il nostro Paese è ormai alla deriva.

"Il complesso", chiosa in finale Carrieri "si trova lungo il percorso utilizzato dai crocieristi che sbarcano a Bari ed è l’ennesimo bigliettino da visita che mostriamo ai turisti".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
carrieribarisanta chiaramonasterosoprintendenza
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.