A- A+
PugliaItalia
Cassazione, stupro e l'indignazione delle donne

Gli Ermellini con la sentenza  n. 39455 del 25 settembre 2014 hanno cassato la sentenza emessa dalla Corte d’appello di Venezia statuendo che, in presenza di stupro consumato  all’interno di un rapporto coniugale, è necessario prendere in considerazione  la possibilità di applicare l’attenuante di “lieve entità” nell’irrogare la pena in presenza di un marito violento che ha commesso il fatto in stato di ebbrezza.

E’ una sentenza che fa certamente discutere e di fronte alla quale i Centri Antiviolenza e le Associazioni di donne presenti sul territorio pugliese non possono restare in silenzio atteso che, con questa pronuncia che si pone in assoluto contrasto rispetto a quanto sancito a livello comunitario e nazionale, la giurisprudenza di legittimità ha fatto un notevole passo indietro.

In passato la Suprema Corte aveva già emesso una decisione che aveva suscitato non poche perplessità allorché negò che vi fosse un stupro in presenza di vittima che indossava i jeans con ciò introducendo una sorta di presunzione di rapporto consenziente in quanto i jeans, secondo quei giudici, non potevano essere sfilati “senza una fattiva collaborazione di chi li indossava”.

giraffa chisiamo
 

Desta stupore e sconcerto questa decisione che sopraggiunge ad una settimana dalla Conferenza “Al Sicuro dalla violenza - Al sicuro dalla Paura, promossa congiuntamente dal Consiglio D’Europa, dal Ministero degli Affari Esteri e dalla Camera dei Deputati, per fare il punto dell’entrata in vigore della Convenzione di Instanbul, nel corso della quale tutti i parlamentari europei ed italiani hanno stigmatizzato l’importanza delle azioni di prevenzione e di repressione in presenza della commissione dei delitti ai danni delle donne.

E’ infatti difficile immaginare un caso di violenza sessuale con penetrazione che possa essere considerata poco grave. Inoltre è inconcepibile che la donna che subisce uno stupro venga sottoposta ad una seconda violenza.

E’ come dire ai mariti ubriachi: da oggi, dopo aver fatto ricorso all’alcool potete tranquillamente stuprare le vostre donne, tanto vi sarà la possibilità di avere il riconoscimento dell’attenuante per aver commesso un reato di non troppo rilievo, per il quale si può ottenere la riduzione della pena.

violenza1
 

La violenza sulle donne, in tutte le sue declinazioni,  è una violazione dei diritti umani. E’ un fenomeno criminale al quale bisogna dare una risposta integrata. Per giungere a ciò abbiamo bisogno di un sistema penale che abbia efficacia reale e che le misure assunte siano, a loro volta, efficaci e dissuasive.

Per questo ci auguriamo che su questi aspetti ci sia un confronto fra i vari attori ed istituzioni che di questo si occupano.

Giraffa Onlus Bari

Sud Est Donne – Martina Franca

Il Melograno di Parabita  e Conversano

Punto Rosa – Specchia

Sostegno Donne Taranto

Ass. di donne I.D.eA – Circolo ARCI – Trepuzzi

Ass.ne Centro Donne  - Mola di Bari

Centro Ascolto DNA Donna – Soleto

Donne con la F Maiuscola - Altamura

Save Centro antiviolenza e antistalking - Trani

Meridia, consorzio di cooperative sociali s.c.s. – Bari

Rose Gagliarde

Tags:
cassazionereatostuproassociazioni donnepugliabari
i blog di affari
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
Cav in campo per le Comunali: "Con Salvini intesa su tutto"
"Ecco il nostro compito: un partito repubblicano"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.