A- A+
PugliaItalia
Centrodestra, alleanza al capolinea? FI: 'Gravi gli accordi a sinistra Ncd'

Bari – A poche ore dal nuovo vertice in Via Massaua tra gli alleati, il colpo sferrato da Forza Italia sembra preparare il terreno al possibile redde rationem: “Le notizie del moltiplicarsi di alleanze politiche siglate dal Ncd con il Pd ed altri partiti di sinistra in diversi comuni pugliesi, rappresentano un elemento di grave difficoltà  ai fini del raggiungimento di una piena intesa politica e programmatica che rappresenti il giusto viatico alla prossima campagna elettorale”, attacca il coordinatore cittadino D’Ambrosio Lettieri. E se l’aria resta tesa sui Municipi, la questione promette di infiammare l’imminente faccia a faccia.

“Le forze politiche di centrodestra ribadiscono la necessità che, a sostegno della candidatura di Di Paola, vi sia una coalizione costituita  da forze politiche e movimenti coesi, che mantenga una indispensabile omogeneità di  proposta politica sull'intero territorio regionale”, spiegano gli azzurri nel comunicato. E sotto i riflettori non c’è soltanto l’asse degli alfaniani con il Pd a Rutigliano – in favore di Roberto Romagno e in  linea con le intese nazionali – ma anche il no di Massimo Ferrarese a Francavilla Fontana riservato al forzista Sgura, il niet a Gianfranco Coppola, in quel di Ostuni, o al Fratello d’Italia Laera a Turi. Nomi e dati che gli uomini di Raffaele Fitto porranno all’ordine del giorno quale cartina al tornasole di lealtà e coerenza ma che la pattuglia di Massimo Cassano è pronta a derubricare come casus belli ad hoc per tentare di mettere il partito fuori dai giochi.

Matrimonio politico ufficialmente al capolinea? “Rispediamo al mittente, ovvero a Forza Italia, l'invito esplicito al Nuovo Centrodestra ad abbandonare la coalizione”, avevano mandato a dire gli ex scissionisti pochi giorni fa ma il varo del documento condiviso dalle formazioni, senza la firma di Ncd, le barricate sulle maxi circoscrizioni e i galloni di numero due affidati a Filippo Melchiorre preventivamente hanno tenuto alta la tensione. In compenso, sull’esito del match conviene giocare la tripla, dal momento che un divorzio, non solo, metterebbe in seria difficoltà Mimmo Di Paola, ma servirebbe al Vicerè di Maglie un assist importante in caso di insuccesso per addebitare la sconfitta.

Le manovre continuano a pieno regime e da Ncd formalizzano il tandem con l’Udc per le prossime europee: “Un innovativo laboratorio politico”, lo definiscono Cassano e lo scudocrociato Ruggieri, intenzionati a mantenere il ticket anche per Comunali e regionali venture. Tanto che alla doppietta Ferrarese – Caroppo, in lizza per Bruxelles, potrebbe aggiungersi anche il consigliere Totò Negro, guardando già ad un gruppo unico in Via Capruzzi: “Lavoriamo ad un’alternativa di governo per la prossima legislatura”, commenta ottimista. Ma prima bisogna chiudere il risiko barese.

(a.bucci1@libero.it)

(Foto: Caterina Rinaldo 2014)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comunalicentrodestradi paolaforza italiancd
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.