A- A+
PugliaItalia
Comunali, Di Paola replica a Decaro. Desirèe: “Scenari futuri, nomi del passato”

Bari – Con le primarie alle porte e le Comunali a portata di mano, la campagna elettorale entra nel vivo e i competitors dell’una e dell’altra partita incrociano le spade a più riprese. Mimmo Di Paola prova a fare le pulci ad Antonio Decaro proprio sul cavallo di battaglia dei trasporti, mentre Giacomo Olivieri gioca la carta della spending review sulle indennità. Non senza le punture di Desirèe Digeronimo e Pietro Petruzzelli.

COMUNALI/ M5S schiera Madetti/ Tutti i seggi delle primarieNcd rinuncia alle primarie e convention unitaria per Di Paola?

A testa bassa procede l’ex numero uno degli Aeroporti pugliesi, aspettando che l’accordo nel centrodestra lo promuova a candidato unitario. Intanto, non risparmia stoccate all’ex assessore di Emiliano. “Se oggi Bari affoga nelle automobili, cos'era dieci anni fa quando non c'erano i Park&Ride e la città vecchia era il parcheggio a cielo aperto per i pendolari del murattiano?”, ha rispedito al mittente Decaro, tirando in ballo la gestione Di Cagno Abbrescia. “Ricorda, Di Paola, che i partiti e gli uomini che oggi lo sostengono avevano inventato il POMA [sistema di videosorveglianza di fine anni ‘90 ndr], che ha fatto spendere al Comune un milione e mezzo di euro senza mai entrare in funzione?”. Il leader di Impegno Civile rinvia la palla in campo avversario: “Continua a parlare di traffico risolto, ma i baresi non se ne sono accorti”, attacca, definendo insignificante il numero di auto eliminate dal centro: “Il trasporto va affrontato con una visione di sistema, che miri a disincentivare a monte l'uso dell'auto non dal park&ride al centro, ma da casa”. Poi la stilettata su periferie e collegamenti: “Vada a parlare ai residenti di Catino di park&ride e vediamo se si sono accorti dei benefici di questo tanto decantato sistema che illude i cittadini".

SCENARI/ Buio Fitto e la variabile Vendola/ TANDEM/ Petruzzelli dietrofront sulle primarie: "Appoggio Decaro"Anche Sel per Decaro/ Olivieri: "Parco 2 giugno torni Agorà"A DESTRA/ Ncd pensa alle “primarie leggere”/ Commissione su nome e programmaDi Paola: "Io fuori da logica di partito"

A separare l’ex capogruppo dal traguardo dei gazebo, in compenso, c’è anche Giacomo Olivieri: “Fare il sindaco è solo un modo per mettermi al servizio della mia comunità e così sarà anche per i componenti della mia Giunta che saranno invitati a rinunciare a parte del loro compenso”, ha spiegato il presidente di Realtà Italia, estendendo il proposito anche ai gettoni di presenza di consiglieri comunali e circoscrizionali. Gli saranno fischiate le orecchie quando Desirèe Digeronimo chiosava sibillina circa una “campagna elettorale di beneficenza”. Con la sponda di Pietro Petruzzelli: "Una proposta che sa di demagogia politica e propaganda elettorale - derubrica il consigliere - Perché Olivieri non ha rinunciato in questo anno appena trascorso alla sua indennità di presidente della Multiservizi? Già il 14 novembre aveva dichiarato che vi avrebbe rinunciato, ma questo non credo che sia avvenuto". E il portavoce dell'unica donna in campo è tranchant: “Scenari del futuro disegnati dai protagonisti del passato”. Tutti contro tutti. E siamo ancora a febbraio.

(a.bucci1@libero.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comunalibaridi paoladesirèedecaroolivierisannicandroemilianosindaco
i blog di affari
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani
Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
di Avv. Maria Grazia Persico*
Green Pass, uno strumento di discriminazione e di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.