A- A+
PugliaItalia
Calre 2013

Alla Galizia la presidenza Calre per il 2014, alla Puglia la commissione territorio. Sarà  il presidente del Consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna, a coordinare il gruppo di lavoro “Politiche ambientali e risorse idriche” della Conferenza delle Assemblee legislative regionali dell’Unione Europea. Sono le decisioni dell'Assemblea generale della rete Calre, riunita a Bruxelles.

Tra i principali obiettivi: lavorare per rafforzare il potere delle regioni nella definizione delle politiche europee. "Le assemblee regionali accanto alle tradizionali funzioni legislative, devono partecipare alla formazione delle politiche europee attraverso la verifica di sussidiarietà, come espressamente indicato dal Protocollo allegato al Trattato di Lisbona", ha dichiarato Nazario Pagano presidente del Consiglio regionale abruzzese. Per cui sarà fondamentale rafforzare il dialogo politico tra il Parlamento europeo e le istanze delle Regioni, sfruttando tutti i canali e gli strumenti a disposizione anche attraverso il fondamentale coinvolgimento delle comunità locali.

Oltre ad assegnare la presidenza di turno alla presidente del Parlamento della comunità locale spagnola, Pilar Rojo Noguera, la riunione plenaria dei parlamenti di 74 regioni di 8 Paesi europei ha affidato ad Introna la guida dell’organismo che approfondirà le politiche comunitarie di natura ambientale.

introna calre

“Questo incarico rappresenta certamente una responsabilità importante per la Puglia e un premio alle scelte regionali coraggiose in campo ecologico. È anche un riconoscimento delle esperienze maturate a difesa del suolo e a tutela delle acque nei miei precedenti impegni in qualità di assessore regionale alle opere pubbliche e all’ambiente”, ha commentato Introna, intervenuto alla sessione belga della Conferenza europea delle Regioni insieme ad una delegazione di presidenti dei Consigli regionali italiani.

Nel corso della legislatura regionale 2005-2010 Introna ha già messo a disposizione della Comunità europea uno studio sulla desertificazione e il degrado del territorio nelle aree vulnerabili degli stati membri, quelli in particolare che si affacciano sul Mediterraneo: gran parte della Spagna, il sud del Portogallo, il Mezzogiorno in Italia, le isole greche maggiori e la Corsica.

L’organismo a guida pugliese è di nuova costituzione e affronterà nodi di particolare attualità per il Mezzogiorno, l’Italia e l’Europa:  la difesa del territorio, la tutela e valorizzazione delle risorse naturali e ambientali, la qualità e gestione delle acque. “Materie di grandissima importanza per la Puglia – osserva il presidente - come le ultime vicende di cronaca hanno pesantemente dimostrato, con l’impatto devastante dei fenomeni atmosferici  su una natura troppo a lungo ferita e trascurata nella nostra regione”.

CalreLogo

Si spazia dalla protezione e valorizzazione delle risorse naturali, comprese le energie rinnovabili, ai problemi posti dai cambiamenti climatici e dalla lotta alla desertificazione e alle inondazioni.  E si guarda inoltre ai problemi delle zone rurali, che costituiscono il 91% del territorio UE ed ospitano il 56% della popolazione. “Per tutti i rappresentanti europei, lo sviluppo rurale è un settore di decisiva importanza – fa notare Introna – e si lega strettamente, come si vede, all’identità stessa ed ai problemi reali dell’unità continentale”.

Nel corso dell’Assemblea di Bruxelles, il confronto ha consentito di approfondire le attività dei gruppi di lavoro nel 2013 e di dibattere sul futuro della CALRE e sul ruolo dei parlamenti regionali nel processo legislativo comunitario.

La Conferenza riunisce i Parlamenti regionali dell'Unione Europea con poteri legislativi: 74 regioni di 8 Paesi, in rappresentanza di 200 milioni di abitanti. Comprende le Assemblee delle Comunità autonome spagnole, dei Consigli regionali italiani, delle Assemblee di Regioni e Comunità belghe, i Parlamenti dei Länder austriaci e tedeschi, il Parlamento autonomo di Åland (Finlandia), le Assemblee regionali delle Azzorre e Madeira (Portogallo), di Scozia, Galles e Irlanda del Nord (Regno Unito). Sede di incontri, scambi di esperienze, diffusione di buone prassi, vuole incentivare ulteriormente i suoi obiettivi e la sua incidenza nel progetto di unità continentale.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
calreregionipugliaterritoriogaliziabruxelles
i blog di affari
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.