A- A+
PugliaItalia
feltrinelli

Bari – Anche il gruppo Feltrinelli, un altro colosso dell’editoria, si appresta a vestire gli scomodi panni dell’austerity. I primi a pagarne le conseguenze, purtroppo, saranno i dipendenti: a partire dal 10 giugno 1378 lavoratori dovranno accettare di “subire” per un anno altrettanti contratti di solidarietà, come stipulato in un accordo raggiunto tra azienda e sindacati lo scorso 24 aprile. A preoccupare fortemente il gruppo il calo del 10,5% nelle vendite, l’andamento zoppicante di 66 punti vendita ed il rischio di chiusura per alcuni. L’unica soluzione, stando a quanto dichiarato dalla stessa azienda Feltrinelli, il necessario ed urgente risparmio di 4,3 milioni di euro nell’arco di un anno.

Leggi/ La crisi colpisce in Puglia il settore industriale

Dopo Mondadori ed RCS, il gruppo Feltrinelli decide di dare il via ad una vera e propria manovra difensiva: “La crisi economica e la rivoluzione digitale – dichiara l’azienda – hanno stravolto negli ultimi anni il mercato dei consumi culturali. Librerie Feltrinelli ha da tempo messo in atto una strategia fatta di contrazione dei costi e di investimenti strategici per recuperare efficienza”.

Intervista/ Cgil Bari, Giuseppe Gesmundo: “Non solo ammortizzatori. Servono politiche sociali”
Approfondimento/ Cisl Puglia, Giulio Colecchia: “In Puglia manca l’ossigeno”

Il contratto di solidarietà riguarderà 63 punti vendita: la percentuale di minor lavoro prevista sarà mediamente del 12,2% con un tetto massimo del 18% (circa 21 ore al mese in meno), mentre le riduzioni dello stipendio andranno dal 2,5% al 18%. Il piano di riduzione dei conti coinvolgerà anche le stazioni ferroviarie, toccando 11 punti vendita, ed i centri commerciali, coinvolgendone 28.

urbanocairo

In Puglia il contratto scatterà per più di 50 dipendenti, tra il punto vendita di Via Melo e le due gallerie commerciali di Santa Caterina e Casamassima. Basiti i dipendenti e, soprattutto, poco persuasi come nel caso di una lavoratrice (rimasta anonima per sua stessa richiesta): “Queste tipologie di contratti dovrebbero essere attuate per evitare la riduzione del personale, cosa però non avvenuta. Il contratto di solidarietà lo stanno usando anche dove i tagli sono stati effettuati”. Questa tipologia di contratto, inoltre, prevede una durata massima di 24 mesi: “Dopo – prosegue la lavoratrice – cosa si farà? E’ necessario pensare a delle reali politiche di sviluppo, che mettano al centro il lavoratore, senza sfruttarlo. Ad oggi, l’attuale soluzione è chiaramente temporanea, un salvagente per ritardare l’inevitabile”.

Il futuro. Nel frattempo, il gruppo Feltrinelli guarda avanti ed attua una strategia non solo di tagli sotto il nome di Effe Tv (nonostante un’iniziale diffidenza di Urbano Cairo, nuovo proprietario di La7). Il nuovo canale in joint venture con La7, partecipato al 70% dalla casa editrice Feltrinelli ed al 30 % da La7, debutterà sul digitale terrestre tra poche settimane.

Tags:
feltrinellibarisolidarietàcrisieditoria
Loading...
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
La crescente popolarità di Gif e Meme e l'interesse delle aziende
Dario Ciracì
La Pandemia non frena i ritocchini, il dr. Manola: “Aumentati del 30%”
Francesco Fredella
Nuovo Dpcm, la Pasqua sarà perduta come il Natale con allucinanti lockdown
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.