A- A+
PugliaItalia
In/Arch e ANCE Puglia premiano l'Architettura della sostenibilità

di Antonio V. Gelormini

Dalle menzioni speciali ai premi veri e propri è un crescendo di innovazione, coraggio e creatività pugliesi ad essere celebrato con i riconoscimenti assegnati nella I^ Edizione del “Premio Regionale di Architettura In/Arch-Ance Puglia 2014” organizzato a Bari dalla sezione pugliese dell’Istituto Nazionale di Architettura (In/Arch Puglia), in collaborazione con ANCE Puglia.

Anche uno stabilimento produttivo può avere un valore architettonico. Questo inconsueto modo di guardare ai luoghi produttivi è alla base delle menzioni speciali per due fra le più affermate aziende pugliesi, Gruppo Casillo di Corato e  Exprivia spa di Molfetta.

La  “Menzione speciale per l’architettura d’impresa del Club Imprese per la Cultura Confindustria Bari e BAT” è stata assegnata alla nuova sede del gruppo Casillo, leader mondiale nella lavorazione del grano. Opera dell’architetto Alvisi dello studio Alvisi+Kirimoto & Partners,  questa costruzione è un bell’esempio di come si possa affrontare la progettazione a partire dai valori aziendali e dalle esigenze organizzative più che da esigenze di mera rappresentanza. A realizzarla: la Tecnodelta Costruzioni s.p.a.

Alla nuova sede della società  Exprivia di Molfetta (leader in Italia nelle soluzioni di Information Technology), realizzata dell’architetto  Danilo Palumbo, è andata la “Menzione In/arch ” per l’alta efficienza energetica.

I riconoscimenti sono stati consegnati rispettivamente da Sergio Fontana coordinatore del Club Cultura Confindustria Bari BAT e da Ferdinando Napoli Presidente di Edilportale.

Nel corso dell’evento, tenutosi al Teatro Margherita, sono intervenuti il presidente della Regione Puglia  Nichi Vendola, il sindaco di Bari Antonio Decaro, il presidente Ance Puglia Nicola Delle Donne, il presidente della Federazione Regionale dell’Ordine degli Architetti Massimo Crusi e il vice presidente In/Arch Nazionale Francesco Orofino. Hanno premiato i tre vincitori – su un totale di 151 progetti partecipanti -  il presidente della giuria Giovanni Leoni, l’assessore regionale all’Assetto del Territorio Angela Barbanente, il presidente In/Arch Puglia Mauro La Notte, e il presidente ANCE Bari-BAT Domenico De Bartolomeo.

ORATORIO DELLA PARROCCHIA SACRA FAMIGLIA
 

Per la categoria ‘Intervento di nuova costruzione’ il premio è stato assegnato all’Oratorio della Parrocchia Sacra Famiglia di Manfredonia progettato da Planprogetti Srl - Sergio Delli Carri e commissionato dalla Curia Arcivescovile di Manfredonia. Nella sezione ‘Intervento di riqualificazione edilizia e/o urbana’ il premio è andato alla Casa della Musica di Ostuni, progettata da Arkitetti Flore & Venezia - Angelo Cariulo, commissionata dal Comune di Ostuni e realizzata dall’impresa Edil Costruzioni Quarta Srl. È stata, invece, l’opera Residenze di Polignano a Mare progettata da Monica Alejandra Mellace, commissionata e realizzata dall’impresa Serim Srl ad aggiudicarsi il premio nella categoria ‘Intervento progettato da un giovane progettista’.

Nel corso della serata è stata inoltre attribuita una speciale “Menzione Archilovers” al progetto più apprezzato dagli utenti dell’omonimo portale web di architettura: si tratta di un progetto, a opera di Domenico Pastore, incentrato su recupero e rimodellazione di un’unità abitativa di tipo bifamiliare dei primi del novecento nel centro storico di Sammichele di Bari.

"Condividiamo l’idea – ha dichiarato il presidente Ance Puglia, Nicola Delle Donne –  che l’architettura non debba esprimersi liberamente prescindendo dai contesti urbani, ma assolutamente compenetrarsi con essi; essa a nostro avviso deve esaltare l’utilizzo previsto per le realizzazioni, pubbliche o private che siano,  assolvendo anche a una sorta di ruolo sociale volto a privilegiare il territorio e il paesaggio come bene della collettività".

Residenze Polignano
 

"I tre progetti premiati  – ha aggiunto il presidente ANCE Bari-BAT  Domenico De Bartolomeo –  vanno nella direzione di un riconoscimento a realizzazioni etiche e di qualità; rappresentano diverse sfaccettature dell’obiettivo del concorso e cioè portare una rinnovata attenzione verso i temi dell'architettura e promuovere una riflessione su come l’innovazione nei processi edilizi possa portare qualità nelle trasformazioni del territorio".

"Il “Premio Regionale In/Arch‐Ance Puglia 2014” – ha confermato il presidente In/Arch Puglia Mauro La Notte –  è una novità assoluta per la Puglia resa possibile dalla neo-costituzione della sezione regionale dell’Istituto Nazionale di Architettura, ma non lo è per l’Italia dove i premi si svolgono con continuità sin dal 1962. I vincitori (progettisti, imprese e committenti) del Premio regionale saranno automaticamente candidati al Premio “In/Arch-Ance Nazionale”, concorrendo così con le migliori realizzazioni delle altre regioni italiane".

Per questa cerimonia di premiazione, negli spazi del Teatro Margherita di Bari, è allestita anche la Mostra “Le quattro stagioni”, Architetture del Made in Italy da Adriano Olivetti alla Green Economy, curata da Luca Zevi per conto del Mibact, in occasione della 13^ Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia 2012, organizzata dall’In/Arch Puglia con la collaborazione del Club Cultura di Confindustria nell’ambito della Rassegna Architetture d’Impresa.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
in/archancepugliaarchitetturapremisostenibilitàexpriviacasillomanfredoniaostuni
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.