A- A+
PugliaItalia
Petrocelli Gelsorosso
 

Uno sguardo sulla città di Bari, attraverso nove interviste a protagonisti della vita cittadina per analizzare e prefigurare quale rotta ha intrapreso il capoluogo pugliese e verso quali porti è prevedibile possa approdare nel suo futuro prossimo o immediato.

Uno sguardo, però, che ancora una volta non riesce a superare la cortina abituale della referenzialitá misogina quasi spontanea, che raccoglie le impressioni e le ambizioni di una sola donna su nove interlocutori: decisamente poco, per un contesto urbano fortemente segnato dall'attivismo femminile e dall'incisività trasversale e quotidiana del 'gentil sesso'.

"Interviste alla città. Nove voci sul futuro di Bari" di Luigi Bramato, Edizioni Gelsorosso 2013, pag. 64 € 7, esce in un momento piuttosto movimentato per la definizione degli assetti amministrativi che riguardano Bari e si pregia della prefazione del Presidente dell'Ordine dei Giornalisti pugliesi, Valentino Losito.

Interviste cop
 

"Le città rischiano di perdere la loro vitalità. La rabbia che esplode, imprevista e improvvisa, le forme di inciviltà e le tante paure - scrive Losito - alimentano una nuova e profonda delusione nel vivere urbano. Bari non sfugge a questo "destino", anzi, sembra aggiungere una sua peculiarità costituita da un profondo degrado del senso etico nella vita pubblica. La ricerca di Luigi Bramato ha il merito di calarsi in questa realtà, di entrare "laicamente" in questo tunnel e cercare possibili vie d'uscita".

Come in una sorta di metaforica chanukkiah, il candelabro ebraico a nove bracci - utilizzato per la festa della luce - partendo dall'ampolla centrale, riservata all'unica donna intervistata, Annamaria Maffei - presidente della cooperativa CSISE impegnata socialmente nel Terzo Settore - ogni intervista ha acceso una luce su aspetti, contraddizioni, potenzialità, risorse, articolazioni e ambizioni della città.

Le personalità che si sono succedute al micro-registratore di Luigi Bramato sono tutte testimoni di un segmento significativo della comunità cittadina e tutte capaci di incidere sui risvolti più o meno critici dei rispettivi ambiti di competenza.

Bramato
 

Uno dopo l'altra, allora, ecco accendersi le voci di Alessandro Ambrosi - presidente della Camera di Commercio, di Corrado Petrocelli - ex rettore dell’Università degli Studi "Aldo Moro", di Oscar Iarussi - responsabile culturale della Gazzetta del Mezzogiorno, di Nicolò Carnimeo - docente di Diritto della Navigazione, di Leo Palmisano - scrittore e sociologo, di Rocky Malatesta - esperto di marketing territoriale e responsabile del CESVIR, di Mons. Alberto D’Urso - presidente della Fondazione Antiusura e di Enzo Tamborra - giornalista sportivo. Uno spaccato della realtà urbana in nove raggi, tanti quante sono le Circoscrizioni comunali in cui è stata suddivisa fino ad oggi.

Il libro è una sintesi inedita, e insieme un punto di partenza per discutere e fornire elementi e proposte utili allo sviluppo della città di Bari in termini di lavoro, turismo, arte, formazione, sport e servizi sociali.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bramatobariintervistegelsorossocittà
i blog di affari
Barbero sempre attaccato da quando si è dichiarato contro il Green Pass
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.