Una nota del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola in riferimento ad alcune dichiarazioni rese al Csm da uno dei pm di udienza. Si tratterebbe di Francesco Bretone, che avrebbe espresso, alla Prima Commissione del Csm, dubbi sull’imparzialità del giudice De Felice, segnalando l’amicizia con la sorella di Vendola e sostenendo che per questo si sarebbe dovuta astenere.

“Apprendo con sconcerto di quanto uno dei pm, pur con formula dubitativa, avrebbe riferito alla Prima Commissione del Csm. Penso che in un paese normale gli uomini delle istituzioni debbano essere i primi a garantire il funzionamento ineccepibile della giustizia". 

"Mi sono sottoposto al processo che mi ha riguardato, rifuggendo da qualsiasi polemica anche quando questa sarebbe stata giustificata. Rispettare il proprio pubblico ministero significa rispettare la funzione della giustizia".

Bretone Di Geronimojpg

Una nota del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola in riferimento ad alcune dichiarazioni rese al Csm da uno dei pm di udienza. Si tratterebbe di Francesco Bretone, che avrebbe espresso, alla Prima Commissione del Csm, dubbi sull’imparzialità del giudice De Felice, segnalando l’amicizia con la sorella di Vendola e sostenendo che per questo si sarebbe dovuta astenere.

“Apprendo con sconcerto di quanto uno dei pm, pur con formula dubitativa, avrebbe riferito alla Prima Commissione del Csm. Penso che in un paese normale gli uomini delle istituzioni debbano essere i primi a garantire il funzionamento ineccepibile della giustizia". 

"Mi sono sottoposto al processo che mi ha riguardato, rifuggendo da qualsiasi polemica anche quando questa sarebbe stata giustificata. Rispettare il proprio pubblico ministero significa rispettare la funzione della giustizia".

Bretone Di Geronimojpg

Una nota del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola in riferimento ad alcune dichiarazioni rese al Csm da uno dei pm di udienza. Si tratterebbe di Francesco Bretone, che avrebbe espresso, alla Prima Commissione del Csm, dubbi sull’imparzialità del giudice De Felice, segnalando l’amicizia con la sorella di Vendola e sostenendo che per questo si sarebbe dovuta astenere.

“Apprendo con sconcerto di quanto uno dei pm, pur con formula dubitativa, avrebbe riferito alla Prima Commissione del Csm. Penso che in un paese normale gli uomini delle istituzioni debbano essere i primi a garantire il funzionamento ineccepibile della giustizia". 

"Mi sono sottoposto al processo che mi ha riguardato, rifuggendo da qualsiasi polemica anche quando questa sarebbe stata giustificata. Rispettare il proprio pubblico ministero significa rispettare la funzione della giustizia".

Bretone Di Geronimojpg
A- A+
PugliaItalia
nichi vendola2

Una nota del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola in riferimento ad alcune dichiarazioni rese al Csm da uno dei pm di udienza. Si tratterebbe di Francesco Bretone, che avrebbe espresso, alla Prima Commissione del Csm, dubbi sull’imparzialità del giudice De Felice, segnalando l’amicizia con la sorella di Vendola e sostenendo che per questo si sarebbe dovuta astenere.

“Apprendo con sconcerto di quanto uno dei pm, pur con formula dubitativa, avrebbe riferito alla Prima Commissione del Csm. Penso che in un paese normale gli uomini delle istituzioni debbano essere i primi a garantire il funzionamento ineccepibile della giustizia". 

"Mi sono sottoposto al processo che mi ha riguardato, rifuggendo da qualsiasi polemica anche quando questa sarebbe stata giustificata. Rispettare il proprio pubblico ministero significa rispettare la funzione della giustizia".

Bretone Di Geronimojpg

"Se il pubblico accusatore riteneva però che il giudice avesse dovuto astenersi, avrebbe dovuto parlare al momento opportuno e non lo ha fatto. Oggi c’è una sentenza. Il pubblico ministero ha tutti i titoli per contestarla ma io ho il diritto come tutti i cittadini nelle mie medesime condizioni, di pretendere che questo avvenga nel processo e non in una singolare trama tutta mediatica che comprende gossip giornalistico e informazioni di terza mano. Ciò che è certo è che chi non è riuscito ad ottenere la mia condanna in un processo regolare, sta cercando di costruire un processo mediatico. E questa non è giustizia”.

Tags:
vendolacsmbretoneprocessomedia
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.