A- A+
PugliaItalia
Marcia per la Pace in Ucraina Bari, solidarietà senza confini

La Pace non può conoscere confini o distinguo. La Pace è Pace e noi per questo marceremo, nella consapevolezza che l’assenza di conflitto in ogni parte del mondo è condizione indispensabile per il dialogo e il confronto, il rispetto dei diritti e lo sviluppo del benessere sociale ed economico.

Dal Comitato organizzatore della Marcia per la Pace in Ucraina, organnizzata a Bari l'11 ottobre, arriva rinnovato l’appello ad una mobilitazione che si preannuncia come un atto concreto nel panorama nazionale, che prova a richiamare l’attenzione del Governo Italiano verso un conflitto ai margini dell’attenzione internazionale.

UCRAINA PACE
 

Rifiutiamo ogni etichettatura tranne una – spiega Rocky Malatesta, portavoce del Comitato organizzatore – quella tanto cara al nostro don Tonino Bello. Siamo costruttori di pace che camminano e che di fronte a questa emergenza umanitaria non vogliono restare inermi. Abbiamo inviato, sul tema del conflitto in Ucraina,   nell’anno del semestre italiano della UE che rischia di gettare un ombra sul ruolo dell’Italia o tracciare come irrilevante l’azione europea in contesti come questo, un appello presidente del Consiglio Renzi – dice Malatesta - e siamo pronti ad investire di tale emergenza anche il Santo Padre che più di una volta ha esortato tutti i capi delle religioni ad un maggiore impegno per la Pace quale “segno sicuro per la causa di Dio”.

Chiesa cristiana che in realtà proprio a Bari, nella terra del Santo più venerato al mondo, San Nicola, ha già dato segno di unità. Sotto lo stesso vessillo sabato prossimo marceranno insieme, infatti, la Basilica Pontificia di San Nicola, il Patriarcato di Mosca, la Chiesa Ortodossa di Ucraina e tutto il mondo di fedeli che queste importanti istituzioni ecclesiastiche sono in grado di riunire nel segno del culto comune al Santo di Myra e della Pace.

La chiesa ma anche il mondo diplomatico. Al raduno di Piazza al fianco degli amministrazioni del Comune di Bari, che hanno aderito per primi alla Marcia barese, ci saranno anche i rappresentanti del Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise.

A sottolineare, se mai ce ne fosse bisogno, il taglio internazionale di una emergenza politico-sociale che non si può risolvere con il sangue e la catena di eccidi, persecuzioni e rapimenti, ne si può fronteggiare con i veti incrociati imposti su relazioni culturali e economiche.

ucraina govorov
 

Nel frattempo cresce l’elenco di adesioni alla Marcia giunte da tutta la Puglia. "Abbiamo messo in moto un mondo che crede nella Pace e crede che l’Italia possa e debba alzare la voce per sbloccare la situazione incancrenitasi in Ucraina. Il tutto usando ogni  strumento utile alla mediazione e al ripristino di condizioni di normalità", sottolinea Malatesta.

Nel corso della Marcia partirà l’importante campagna di raccolta fondi per i bambini di Donetsk, promossa dall’ASP Media con sede a Bari.

"In realtà i bambini che noi contiamo di aiutare – spiega Natasha Pohorletska che a Bari da anni si occupa di mediazione sociale e aiuti agli stranieri – non sono solo di  Donetsk. Vengono dalle zone di guerra evacuate o distrutte e in cui manca tutto. Nella migliore delle ipotesi questi bimbi finiscono in piccoli orfanatrofi nati grazie al mondo del volontariato che continua a resistere, ma molti di loro scompaiono nel nulla, impauriti e traumatizzati continuano a nascondersi dentro scantinati o in zone di fortuna". Durante la Marcia a Bari saranno i testimoni “scomodi” di una guerra che l’Europa e l’Italia continua a non considerare nel modo opportuno.

Malatesta pace
 

La Marcia per la Pace in Ucraina si muoverà sabato 11 ottobre alle ore 17.00 da Piazza Diaz accompagnata dai “Battitori di Carbonara” e si concluderà davanti al sagrato della Chiesa di San Nicola con il messaggio di pace del Comitato organizzatore e dei rappresentanti le Chiese cristiane occidentali ed orientali, e il concerto dei Radicanto. Il concerto dell’importante band pugliese fondata nel 1996 da Giuseppe De Trizio, sarà impreziosito dal recital di poesie sulla pace del regista e attore Nicola Valenzano.

Info su: www.paceinucraina.it

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
ucrainapacemarciabaricesvirmalatesta
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.