A- A+
PugliaItalia
Pd e scandali Università "Pronti a sospenderci"

"Pronti a sospenderci dal PD se Procacci non rimetterà il suo incarico e se Emiliano, da segretario regionale, non sia lì a pretendere le sue dimissioni da coordinatore della segreteria". Lo dice questa mattina con una lunga nota su fb l'assessore regionale e candidato alle primarie Guglielmo Minervini, a seguito dell'inchiesta sugli scandali che riguardano i concorsi all'Università di Bari e che vedono direttamente coinvolto Giovanni Procacci, come ha riportato ieri dalla stampa.

Minervini Openjpg
 

Scrive Minervini: "I fessi.

E' evidente che i fessi siamo noi che abbiamo educato i figli sostenendo che nella vita si cammina in piedi. E che contano la fatica, l'impegno, il merito, l'onestà. E che solo quando ti conquisti un risultato con le tue forze, allora senti il profumo della libertà.

E' evidente che il fesso sono io.

Dieci anni assessore regionale, nientepopodimeno, e una figlia a Milano ancora a sbattersi in giro, con tutte le sue energie, per cercare uno stage non retribuito, dopo un lavoro precario in condizioni da sfruttamento.

In fondo, come ci ricorda Procacci, se sei un "politico" di punta basta una telefonata all'amico barone, et voilà, dottorato vinto per tuo figlio, primo passo di una carriera luminosa spianata in forza di un cognome che sfonda i traguardi come un ariete.

procacci 3001
 

Con buona pace di chi quel posto lo meritava davvero, ma essendo privo del supporto di una buona famiglia, si è visto sorpassato a destra: gli auguriamo, davvero di cuore, migliore successo.

Quelle intercettazioni tra l'accademico e il coordinatore della segreteria regionale del PD, l'uomo più vicino di Michele Emiliano, sono una ferita profonda.

Offendono il nostro popolo.

Ovviamente non ci interessa il rilievo penale della vicenda ma esclusivamente i due nodi politici che solleva.

Il primo riguarda la credibilità di una classe dirigente che in pubblico difende i principi della giustizia e in privato osserva la pratica della propria tutela.

Il secondo riguarda la politica nel suo complesso. Il nepotismo e il clientelismo sono il male oscuro del paese. Se sei figlio di nessuno devi restare al palo della vita. Non conta quello che vali, ma come ti chiami, chi conosci, chi ti sponsorizza. Questa logica non produce solo ingiustizia ma anche impoverimento sociale.
La cultura dei "figli di" genera un'università dequalificata, una ricerca inefficace, una scuola scadente, una pubblica amministrazione degradata. Una società peggiore. Insomma, ogni volta che passa una raccomandazione si toglie a tutti non a uno solo. La raccomandazione è una ferita sociale non solo uno scippo individuale.

Emiliano PD2
 

Non si disincaglia la Puglia dalla crisi se non riusciamo a dire a tutti i pugliesi, specie ai giovani, che qui le regole sono le regole e la trasparenza è la trasparenza.
E le opportunità sono davvero per tutti, sopratutto per i figli di nessuno, per i meno protetti e i meno garantiti.

Ecco perché un partito di "quelli che raccomandano i propri figli" è il principale avversario del cambiamento della Puglia.

Procacci dovrebbe avvertire il bisogno di togliere il PD dall'imbarazzo dimettendosi dall'incarico di rappresentanza. Il segretario regionale spero glielo abbia chiesto. Altrimenti ci sospenderemmo noi dal PD.
Su questo punto non si transige. Non si può transigere. Sulle questioni di fondo non si bara".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
minerviniuniversitàprocacciemilianoprimariescandalibari
i blog di affari
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
"No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.