A- A+
PugliaItalia
Regionali, Marmo ritira la candidatura. Schittulli va da Berlusconi, FI ribolle

Bari – Quando Francesco Schittulli tornerà a colloquio da Silvio Berlusconi, la prossima settimana, potrà portare con sé l’ultimo endorsement del Nuovo Centrodestra: il coordinamento regionale degli alfaniani ha confermato in mattinata l’appoggio all’oncologo, “quale migliore personalità per rappresentare la coalizione”, auspicando al contempo “che lo stesso possa ufficializzare la propria posizione al più presto, in modo da avviare da subito la campagna elettorale”. “I tempi sono sempre più stretti e il centrosinistra è già da tempo in piena campagna elettorale”, mandano a dire i coordinatori, Cassano e Ferrarese, in un risiko che l’accelerazione romana potrebbe sbloccare in tempi brevi. Intanto, la sola certezza è l’archiviazione definitiva delle primarie ed il passo indietro dell’unico sfidante in campo, Nino Marmo, che rimette la propria candidatura nelle mani del partito azzurro.

Schittulli(1)
 

“Non cercherò scorciatoie per accedere alle stanze romane, direttamente o attraverso noti circoli ristretti, per elemosinare benedizioni come altri fanno”, commenta amaro il vice presidente di Via Capruzzi, evocando gli incontri nella Capitale del professore gravinese. “Non si può essere candidato, sacrificato alla sconfitta, che poi passa all’incasso magari per una candidatura in lista bloccata. Io desidero conquistare sul campo il mio ruolo”, sferra a testa bassa, parlando di gazebo “lasciati morire” in un “silenzio ottuso e assordante”: “Ancora una volta non siamo stati in grado di dare risposte adeguate e tempestive, fortificando le tesi di chi ci accusa di non meritare la fiducia degli elettori”, suona il requiem. La situazione, in compenso, è tutt’altro che nitida e tocca giocare la tripla sul risultato: il doppio incontro dell’ex Cavaliere con l’ex Presidente della Provincia – prima - e con il numero uno regionale degli azzurri Amoruso – poi - non ha valore di lasciapassare ma vale come l’ennesimo segnale di chiusura nei confronti di Raffaele Fitto. Tanto da far circolare voci di un possibile commissariamento degli azzurri nel Tacco, togliendo le chiavi all’ex Ministro di Maglie e mettendo il timone nelle mani di una figura più direttamente riconducibile alla sala di controllo nella Capitale.

Se sia o meno l’indizio di una svolta imminente e della volontà di ricostruire la macchina non è dato saperlo ma il frontale con l’europarlamentare salentino è ingaggiato: per le malelingue, un nome planato da Roma metterebbe l’ex Governatore al riparo da qualsiasi responsabilità diretta ma la sola minaccia di decapitare il partito lascia allungare lo spettro di una longa manus romana anche sulle liste. Sulle quali Fitto non può perdere la golden share. Dal gruppo regionale, intanto, provano a fare da cuscinetto e preferiscono andare all’attacco del centrosinistra a pieno regime: “Una condanna per danno erariale significa che i giudici hanno accertato, in modo conclamato, lo sperpero di danaro pubblico. Con questo biglietto visita Michele Emiliano, condannato dalla Corte dei Conti, si propone come candidato alla presidenza della Puglia”, puntellano Ignazio Zullo e i suoi sul risarcimento dovuto al consorzio ASI. E intorno è piena tormenta. Azzurra.

(a.bucci1@libero.it)

---------------------------

Pubblicato sul tema: La lettera di Nino Marmo e la sua remissione di candidatura

Tags:
marmoschittulliberlusconifittoncdregionalifi
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.