A- A+
PugliaItalia
Regionali, Schittulli serra le fila. Riprendono quota i gazebo

Bari – “Mi candido perché non possiamo lasciare la Puglia in queste condizioni ai nostri figli, è il momento di riconquistarla, è il momento della verità”, arringa Francesco Schittulli dal palco dello Showville. Il Presidente della Provincia è in campo, lo aveva annunciato pochi giorni fa dal suo blog e lo conferma dalla kermesse dei sostenitori firmata Luigi Crespi, spin doctor del Berlusconi dei tempi d’oro, stessa macchina di Raffaele Fitto: “Sono stato il primo a dire sì alle primarie, vorrà dire che porteremo la gente a votare il 23 novembre e poi a marzo. Ho detto no alle primarie al Consiglio comunale di Bari e dobbiamo trarre giudizio da quell’esperienza”, manda a dire agli alleati, a due giorni dal tavolo che dovrebbe porre il sigillo sui nomi dei contendenti e decidere chi è dentro e chi fuori dal perimetro della coalizione.

Scontro al centro sulla reunion: "Ncd? Vada dove crede"/ Sette giorni per nomi e coalizione/ Schittulli gela il cdx: “Mi candido” 

Riprenderanno quota in extremis i gazebo archiviati da Toti e allontanati dagli alfaniani? Le malelingue parlano di gioco delle parti fuori tempo massimo ma lo stato maggiore forzista ha dato la sua benedizione nel vertice del fine settimana e Nino Marmo, primo a proporsi per la competizione, chiarisce di non avere alcuna intenzione di fare passi indietro. Tanto più dal momento che lo stesso ex Ministro di Maglie - a quanto afferma – lo avrebbe incoraggiato ad andare avanti e non mollare. Dal partito di Cassano e Ferrarese ribadiscono la linea contraria e fissano il coordinamento cittadino in concomitanza con l’evento dell’oncologo gravinese, mentre qualche chilometro più in là – in un altro cinema – è Gianfranco Fini a dirsi “convinto che la richiesta di Fitto cadrà nel vuoto". E se i tempi sono verosimilmente troppo stretti perché le truppe dell’ex Presidente della Camera possano essere pronte per la scalata a Via Capruzzi, Schittulli punta a superare i distinguo in tempi brevi: “Ho governato in Provincia con l’intero centrodestra accanto, da Ncd a Fratelli d’Italia, è per questo motivo che abbiamo vinto 5 anni fa e che vinceremo tra 5 mesi”, serra le fila, chiamando a raccolta anche "tutti i moderati di centro, quelle associazioni cattoliche che vogliono un governo della regione che sia un nuovo inizio".

emiliano1
 

Azzollini lancia Schittulli, Ferrarese frenaNcd si smarca Schittulli torna in pole?/Marmo alle primarie / Toti, schiaffo a Fitto

L’avversario nel mirino già c’è: quello stesso Michele Emiliano che “si crede già presidente” e del quale ripropone l’annuncio dei 30mila posti di lavoro, rimandandolo in onda ben due volte a testa bassa. “È dal 2007 che governa la Regione, oltre che la città capoluogo, da quell’anno è uno dei massimi responsabili del Pd, del quale è stato prima presidente e poi segretario”, tenta l’affondo contro l’ex Sindaco di Bari nel giorno in cui è Antonio Decaro ad ottenere il plauso di Renzi sulla legge di stabilità. Per conoscere le intenzioni dell’ Udc, capire quanto pesano i gazebo sull’intesa con gli alfaniani e togliere dal tappeto rumours su nomination alternative last minute, ventilate e mai schierate – da Mario Mauro a Nicola Giorgino e Barbara Matera - basterà attendere poco più di ventiquattro ore.

(a.bucci1@libero.it)

Tags:
schittulli#schittullincampofittoregionaliemilianopugliancdudcprimariemarmo
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.