A- A+
PugliaItalia
Rete Oncologica in Puglia Lavorare a una 'trama' nuova

di Antonio V. Gelormini

- Invertire la tendenza dei flussi migratori passivi dei pazienti e delle famiglie verso i "Santuari del dolore" del Nord, intensificando il lavoro e la ricerca di qualità delle prestazioni e delle competenze in Puglia, affrontando il tema complesso e delicato della qualificazione parallela dell'accoglienza e dell'assistenza nei centri oncologici, a partire dal più sensibile: quello dell'Oncologia e dell'Oncoematologia Pediatrica. E di farlo rioganizzando sul territorio le strutture presenti, seguendo il modello delle reti e razionalizzando risorse e interventi, per renderne più efficace ed efficiente l'attività socio-sanitaria quotidinana.

Questi i temi al centro di un primo incontro dell'Assessore alle Politiche della Salute, Donato Pentassuglia, e del Direttore di Area, Vincenzo Pomo, con i Direttori delle Cliniche Oncologiche ed Oncoematologiche Pediatriche di Puglia, nonché con le Associazioni di Volontariato, che ne supportano le attività di assistenza ed accoglienza nelle rispettive realtà locali, nel quadro di un processo di coordinamento dei processi di revisione e di impostazioni innovative di questo come di altri settori della Sanità pugliese.

Apleti personale
 

La necessità di accelerare i ritmi di modernizzazione del settore scaturisce, ovviamente, dalle esigenze di razionalizzazioni di risorse che sempre più contenute - se non talvolta drammaticamente esigue - e dall'improcastinabile ed ineludibile sforzo di adeguamento a sistemi organizzativi ed operativi - sia nazionali che europei - che nell'interesse dei cittadini e dei pazienti impongono un approccio più "scientifico", professionalmente "alto" e decisamente meno improvvisato e niente affatto "campanilistico".

Un incontro che intende avviare percorsi di sinergie finora "vaganti" o "autoreferenziali", per ottimizzarne il potenziale di contributo ai risultati positivi che le analisi indicano in crescita, anche se ancora poco incisivi. E che coincide con una fase riorganizzativa determinante - come quella della nomina dei nuovi Direttori delle Asl - perseguita dall'Assessore Pentassuglia e con l'inaugurazione del nuovo reparto di Oncologia Medica dell'IRCCS del "Saverio De Bellis" a Castellana Grotte (Ba).

Un altro passo importante nel cammino intrapreso nel labirinto della Sanità del Sud in genere, che il presidente Nichi Vendola ha definito: "Un pezzo dell'eccellenza pugliese e di quel sistema che guarda al futuro".

Frecce1
 

All'incontro hanno partecipato: Nicola Santoro - Direttore della Clinica di Oncoematologia del Policlico di Bari, Saverio Ladogana - Direttore dell'Oncoematologia Pediatrica della Casa Sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo (Fg), Assunta Tornesello - Direttore dell'Unità operativa di Oncoematologia pediatrica di Lecce, Adele Civino - Responsabile del Reparto Oncoematologia Pediatrica di Tricase (Le) e i rappresentanti delle diverse Associazioni e Rappresentanti delle Famiglie che collaborano con i loro reparti ospedelieri, Apleti, Agebeo, la Culla di Spago, Associazione "Lorenzo Risolo" e Per un sorriso in più.

(gelormini@affaritaliani.it)

--------------------------------

Sullo stesso tema: Pentassulglia e Vendola inaugurano nuovo reparto di Oncologia Medica a…

 

 

Tags:
pentassugliavendolasantorocastellanaoncoematologiapediatricaassociazioni
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.