A- A+
PugliaItalia
Salento, I pescatori domenicali

di Rocco Boccadamo

La frequenza delle scuole medie segnò, per me, non soltanto il passaggio dalla fanciullezza all'adolescenza, ma anche l'ottenimento dei primi permessi o concessioni da parte dei miei genitori.

Rientrava fra tali conquiste, durante la stagione estiva, sul far del crepuscolo del sabato, la possibilità di radunarmi con un gruppo di sette o otto amici, di recarmi insieme con loro a Porticelli, nei pressi dell'insenatura Acquaviva, dove i miei avevano da poco fatto costruire una casetta di villeggiatura e di restare a dormire lì, al fine di trovarci, l'indomani mattina, tutti insieme, già pronti sul posto per dedicarci alla pesca dagli scogli, con canne e lenze che ciascuno di noi si procurava ed "armava".

Arrivati alla méta e consumata una frugale cena, scendevamo, attraverso un sentiero, giù nell'Acquaviva e, come prima operazione del programma, raschiavamo gli scogli su bassi fondali mediante l'utilizzo di retini - anche questi fabbricati da noi stessi - per catturare piccole scorte di gamberetti, da utilizzare il giorno dopo come esche, riponendo, intanto, i saltellanti crostacei in vasetti di latta con coperchio.

Terminata questa operazione, ci portavamo nuovamente nella casetta di Porticelli, soffermandoci per qualche ora a parlare ed a scherzare - nel buio assoluto, mancando la corrente elettrica e con il solo riferimento luminoso, quindi, delle stelle e , se c'era, della luna - fino a che non ci veniva sonno.

Sonno, per la verità, non molto lungo, giacché, all'alba, gli occhi si riaprivano automaticamente; seguiva un rapido sciacquo del viso e, subito, tutti di corsa verso la scogliera per iniziare le calate con la lenza.

Si formava, in tal modo, una bella fila di giovanissimi pescatori dilettanti e si dava ben presto vita a una sequenza di grida, commenti, risate, che segnavano in particolare la cattura di ciascun esemplare di pesci.

Ovviamente, s'innestava una vera e propria gara. Trascorrevamo, così, diverse ore intenti a pescare, sino a quando la calura del sole, che si alzava sempre più su, non diveniva forte e difficile da sopportare.

Quelle mattinate domenicali, comprese le vigilie di preparazione in comitiva, ci riempivano d'autentica gioia, una sensazione che ci portavamo appresso e manifestavamo anche al rientro nelle nostre rispettive case.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
salentopescatoridomenicaliporticelli
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.