A- A+
PugliaItalia
foto Vendola a Taranto2

Taranto - “C’è un banco di prova sotto gli occhi di tutti. Si chiama Ilva. Ora vediamo quello che accade al Senato. Io intanto ho già manifestato una grande delusione perchè la Camera è riuscita a peggiorare il testo di un decreto che pure aveva aperto il cuore alla speranza. C’era stato un bel coraggio a parlare di commissariamento e di decreto di commissariamento, poi questo coraggio è mancato, probabilmente perché la lobby siderurgica è una delle lobby più imponenti del mondo e ha azionato i suoi canali di persuasione”.

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola dialogando a Taranto con i giornalisti a margine dell’assemblea provinciale di Confindustria cui hanno partecipato il Presidente nazionale Giorgio Squinzi e il Ministro per la Coesione territoriale Carlo Trigilia.

“Credo che ci sia necessità di correggere il decreto – ha spiegato Vendola – perché occorre assolutamente restaurare la figura del Garante, una figura di garanzia per una sperimentazione così inedita. Di fronte ad un problema gigantesco, anche la soluzione infatti era straordinaria e, in questo caso, il Garante ha funzionato più volte. Ecco perché occorre ripristinarne la figura. Ma occorre anche ripristinare l’integrità di quel parametro che noi abbiamo fortemente voluto che è la Valutazione di Danno Sanitario”.

Per Vendola “la partita che si sta giocando all’Ilva di Taranto, riguarda la storia industriale del paese”.

“Oggi l’industria - ha continuato il Presidente della Regione - deve passare per la cruna dell’ago di una ambientalizzazione che consenta il primato del diritto alla vita e del diritto alla salute. Il profitto, il mercato, le industrie che noi vogliamo promuovere e difendere devono inginocchiarsi di fronte al primato della vita.”

“In questo contesto  - ha continuato Vendola - non è sbagliato discutere a Taranto di green economy. La green economy è una prospettiva straordinaria a condizione che non sia una furbizia. Perchè altrimenti avremmo un circolo vizioso per cui l’industria inquinante aggiunge un nuovo business che è quello del disinquinamento. Il problema dunque – ha concluso Vendola - è come convertire un modello economico che diventi pienamente rispettoso del territorio, degli ecosistemi, della qualità dell’aria e della vita e della dignità delle persone”.

Tags:
vendolatarantoilvalobbyconfindustria
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.