A- A+
PugliaItalia
Trifone Gargano, dal sogno al fantasy: Dante e Harry Potter

Anche Affaritaliani.it - Puglia ha deciso di celebrare i 700anni dalla morte di Dante Alighieri, dedicando ogni week-end questo spazio per la pubblicazione di lavori ad opera di dantisti pugliesi o di autori, i cui articoli sono ispirati all’influenza del Somma Poeta sulla realtà pugliese in particolare o quella italiana in generale.

Trifone Gargano3

Dopo l'esordio in accoppiata con Mina, i riflettori accesi su Netflix con la fiction di successo con Sabrina, e le incursioni ne "La casa di Jack" di Lars von Trier, Trifone Gargano (Pugliese, Docente Didattica Lingua Italiane e Informatica per la Letteratura, nonché dantista e divulgatore letterario) va alla ricerca della 'pietra di paragone' tra la narrazione dantesca e quella di Joaanne K. Rowling nella saga del suo Harry Potter. (ag)

Dante Potter antiporta manifesto

di Trifone Gargano

L’accostamento, forse, provocatorio, tra la Divina Commedia di Dante Alighieri, e la saga di Harry Potter di Joanne Kathleen Rowling potrà fare arricciare il naso a qualche critico (accademico), ma costoro, si sa, sono allergici all’autentica ricerc-azione. Spero, invece, che questo intervento incuriosisca molti giovani lettori, e che li spinga a riprendere entrambe le opere. E questa è la principale finalità che mi spinse già nel 2018 a scrivere su questo accostamento, e a realizzarne un libro, spingere cioè alla lett-erat-ura.

Molte cose, in questo mio lavoro, mi saranno sfuggite, è ovvio. Si tratta di una prima indagine condotta in parallelo, con carattere di sistematicità, tra due autentici capolavori della letteratura mondiale di tutti i tempi (e di tutte le latitudini).

Anello 01

Il ritorno del fantasy, e il suo grande successo, al passaggio tra XX e XXI secolo, non vanno letti soltanto come bisogno (umano) di evasione dalla (dura e nuda) realtà. Dalle atrocità storiche che hanno caratterizzato il XX secolo, con i due conflitti mondiali. No. Tutt’altro. Se ci si limitasse a una lettura molto superficiale del complesso e multiforme fenomeno, il ritorno del fantasy potrebbe essere inteso come l’espressione di un sentimento, di un desiderio di evasione dal presente triste e insoddisfacente. Ma è ben altro. Il suo successo, in tutte le attuali declinazioni del fantasy, e con la specificità dei codici espressivi contemporanei (scrittura, graphic novel, cinema, animazione, fumetti, videogiochi, ecc. ecc.), da Tolkien a Lewis, da Ende alla Rowling, non rappresenta un piano di fuga collettivo dalla realtà, alla ricerca di un approdo più rassicurante, in un altrove magico-fantastico. No. Piuttosto, questo sorprendente fenomeno andrebbe letto e interpretato come un potenziamento della realtà.

Il modo narrativo del fantasy (come una volta quello del mito) altro non è che realtà aumentata (Code QR, per dirla con l’odierno linguaggio informatico). Il mito secoli fa, il fantasy oggi, hanno lanciato e lanciano la sfida nei confronti della realtà (e delle poetiche realistiche, o presunte tali), e cioè, la sfida di (re)introdurre ordine e armonia in un mondo, il nostro, devastato dal caos, dalla bruttezza e dalla disarmonia. Non fuga dalla realtà, quindi, ma intervento su di essa, per potenziarla, e per re-introdurvi ordine e armonia, bellezza e grazia.

Oggi, che nulla più risplende, in un mondo, cioè, nel quale l’universo non è più a “Dio simigliante” (tanto per citare Dante), e nel quale l’uomo brancola nel buio, con crocevia multidirezionali e disorientanti, il fantasy fornisce indicazioni e risposte di senso alle paure, ai sogni, alle speranze di ciascuno di noi. Le risposte alle domande ultime, sulle questioni fondamentali della vita (il bene, il male, l’amore, la morte).

incrocio

Questo è stato l’approccio critico e ideologico con il quale mi sono accostato alla lettura comparata di due estremi (cronologici) del fantasy moderno: da un lato, Dante Alighieri, con la Divina Commedia (XIV secolo), poema in tre cantiche, che chiude il modo del meraviglioso medievale, per aprirsi al moderno; dall’altro, Joanne K. Rowling, che, con la saga di Harry Potter (XXI secolo), in sette romanzi, ha re-interpretato il fantasy contemporaneo.

Portrait de Dante

Lo componente didattica, invece, mi ha spinto a registrare e a suggerire analogie e punti di contatto di lunga durata, tra le due opere (le due saghe), all’interno di un orizzonte interpretativo che è, e che resta, quello ludo-didattico, e di educazione alla lettura (e alla lett-erat-ura, senza alcun pregiudizio di genere).

Il viaggio di Dante, dalla selva oscura alla luce del Paradiso, è un viaggio reale e simbolico; un viaggio, una “cerca”, di sé stesso (e in sé stesso). All’inizio del viaggio, quando prende coscienza di essersi smarrito, Dante non si riconosce (e non si accetta). Alla fine, cento canti dopo, allorquando si ritrova nell’Empireo, Dante scrive di essersi ri-trovato, riconoscendosi e accettandosi (nel secondo dei tre «giri» - o arcobaleni - vede pinta la propria effige).

IPA IPA11559846 pr

Racconto di formazione, e di riconoscimento di sé stesso, con la progressiva maturazione, attraverso prove affrontate e superate, è pure la saga di Harry Potter. Il viaggio interiore di Harry, infatti, si distende in sette rispettivi anni, esattamente quelli ch’egli trascorre presso la scuola di Magia di Hogwarts, tra gli undici e i diciassette anni (a ciascuno dei quali è dedicato un volume della saga).

Dante HP Cop 02

Il tema del viaggio, allora, come metafora dell’esistenza umana, diventato (già dall’età antica) il tema per eccellenza della letteratura mondiale, di tutti i tempi, e di tutti i luoghi. Nella letteratura medievale, il modo fantasy assumeva le forme del meraviglioso: angeli e diavoli, con l’aggiunta di creature mitologiche, reinventate dal di dentro dell’universo fantastico cristiano, in contatto quotidiano e normale con l’umano. Per l’uomo Dante Alighieri, e per tutti i suoi lettori contemporanei, il viaggio nell’Inferno, nel Purgatorio e nel Paradiso era (innanzitutto) un viaggio assolutamente normale (e reale); poi, anche, un viaggio letterario.

7 libri

Oggi, il modo fantasy si definisce (e si afferma) in Europa nel XIX secolo, con autori come Mary Shelley e George MacDonald. Può sembrare paradossale che proprio in Inghilterra, cioè in un paese in cui si registra, con punte massime di eccellenza, il primato della scienza e della tecnologia (con la rivoluzione industriale, e con la nascita della civiltà delle macchine), il genere fantasy capti ed esprima i sogni, le speranze, le paure, e i desideri di felicità di una umanità, evidentemente, non soddisfatta dalle risposte della scienza, e della tecnologia contemporanee.

La saga di Harry Potter ha iniziato la sua vita editoriale, fortunatissima e vitalissima ancora oggi, nel 1997, passando per il 2007, anno di ultima pubblicazione. Poi, arrivò la versione cinematografica, dal 2001 al 2011, ma anche di tantissimo materiale multi-codale, messo in rete, online, per la felicità degli appassionati di Harry Potter, e della Scuola di Magia più famosa al mondo.

Ecco i titoli delle tematiche della rassegna comparata, tra la Divina Commedia e la saga di Harry Potter, che si trova nel mio libro. Si tratta di una trentina di luoghi paralleli, da leggere l’uno in rapporto con l’altro, seguendo la linea del viaggio dantesco, dal primo canto dell’Inferno, fino al XXXIII del Paradiso (centesimo dell’intero poema). Di volta in volta, quindi, ho individuato e ho proposto i testi da leggere in parallelo: Bene e Male - L’Amor che move - Numerologia - Il viaggio - Indicibile - Luoghi oscuri - Le guide - Patronus - Narcolessia e Schiantesimi - Limbo - Cerbero - Il castello (Hogwarts e il nobile castello) - Serpeverde e Filippo Argenti - Dissennatori e Diavoli dispettosi - Le cicatrici - Acqua purificante - Mantello e Transumanazione - Centauri - La selva degli sterpi e il Platano picchiatore - Arpie / Veela - Gerione e Dorsorugoso - Fenice - Serpenti e Metamorfosi - Giganti e Mezzigiganti - Il serpente - Serpeverde - Sirene - Glauco e l’Algabranchia - Minerva - Gli scacchi.

potterpedia

scalinata

Nella parte rovesciata del libro, invece, quella intitolata Fantasylab, ho suggerito, di capitolo in capitolo, esercitazioni da realizzare, tra la Divina Commedia, e i libri di Harry Potter: Arte - Canzoni - Cibo - Filosofia - Fumetti - Letteratura - Lingua - Videogiochi.

In conclusione, ritengo di poter affermare di aver indicato, nel mio libro, una rete intertestuale sistematica e significativa, nient’affatto episodica (o casuale), tra le due saghe. Tessuto e Intreccio, di fili e di parole. Dante, e, più in generale, l’immaginario popolare medievale, compresa pure la cultura colta mediolatina (e classica), nella saga di Harry Potter sono largamente attestati. Non come arida fonte da esibire, attraverso citazioni di nomi, di circostanze, di episodi, di situazioni, di personaggi, ecc.; no, piuttosto, come un vero e proprio dialogo a distanza tra lingue, stili e culture diverse.

------------------------- 

Pubblicato in precedenza: Trifone Gargano: Dante e Lars von Trier: 'La casa di Jack'

                                             Trifone Gargano: Dante, Sabrina e il fantasy contemporaneo

                                             Trifone Gargano canta Dante e 'Una zebra a pois' di Mina

Commenti
    Tags:
    trifone garganosogno fantasyharry potterdante alighierijoanne kathleen rowlingmeraviglioso divina commedia
    Loading...
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Una giornata di lavoro adrenalinico al ristorante
    di Riccardo Succi
    “Se lo cantasse Bocelli sarebbe un miracolo”, Malgy difende la Berti
    Francesco Fredella
    Ascolti tv, “onda d’Urso”: picchi di share altissimi in prima serata
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.