A- A+
PugliaItalia
11 11 13 foto firma gemellaggio tra Bari Monte Sant'Angelo e S. Giovanni Rotondo

È stato siglato a Palazzo di Città il gemellaggio tra le città di Bari, Monte Sant’Angelo e San Giovanni Rotondo dai Sindaci Michele Emiliano, Antonio di Iasio e Luigi Pompilio al fine di incrementare la collaborazione istituzionale e culturale, con particolare riferimento allo sviluppo del turismo religioso.

Attraverso l’accordo i tre Comuni si impegnano a promuovere iniziative congiunte che possano valorizzare le tradizioni religiose, culturali e storiche dei rispettivi territori e programmare interventi che interessino anche le attività economiche connesse ai pellegrinaggi dei fedeli.

I sindaci hanno quindi inteso compiere un primo passo verso la costruzione di un efficace strumento di coordinamento nel settore del turismo culturale e religioso.

gargano (4)

“Le nostre città - ha dichiarato Michele Emiliano - sono meta di pellegrinaggio, spesso continuo, di migliaia di persone che, attraverso una devozione antichissima e moderna, raggiungono Bari e il Gargano rinnovando questi sentimenti di fede. Incrociare il cammino dei pellegrini di San Nicola, San Michele e San Pio può essere un ottimo modo per far conoscere la nostra bellissima terra ai tanti turisti in arrivo e offrire loro l’accoglienza migliore. Le nostre città, a partire da oggi, intendono impegnarsi concretamente e lavorare insieme per favorire il passaggio e la permanenza dei fedeli. In tanti già passano da Bari prima di raggiungere le mete religiose del Gargano, una terra meravigliosa che si è costruita una fama meritata nel settore. Da oggi però intendiamo dare corpo a una vera e propria collaborazione in modo da organizzare iniziative che riguardino i luoghi sacri, riscoprendo quello stare insieme con solidarietà e fraternità che dovrebbe essere responsabilità e necessità di ogni sindaco”.

chiesa padrepio

“È una grande gioia per noi sottoscrivere questo gemellaggio - ha sottolineato il sindaco di Monte Sant’Angelo Antonio di Iasio - perché compiamo un primo passo concreto verso la programmazione di iniziative comuni che porteranno risvolti positivi nel settore. Questo patto ci consentirà di unirci in una sorta di rete, quella che a me piace chiamare rete della ‘Apulia sacra’. Credo sia un ottimo segnale questo nuovo sentimento di collaborazione tra Comuni”. 

“Sono certo che sta nascendo qualcosa di importante e rivoluzionario - ha concluso il sindaco di san Giovanni Rotondo Luigi Pompilio - perché stiamo ponendo le basi per il primo vero distretto del turismo religioso . Mi auguro che questo patto diventi un’occasione di rilancio per un territorio che ha bisogno di diversi interventi infrastrutturali e che serva anche per ragionare su come colmare i divari con altri territori più sviluppati. Il gemellaggio inoltre potrebbe diventare un ottimo strumento per intercettare finanziamenti europei attraverso progetti mirati”.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
barimonte sant'angelos.giovanni rotondoturismo religiosoaccordo
i blog di affari
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
"No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.