A- A+
Roma

“Caro Presidente Nicola Zingaretti, l’annosa questione della proprietà della Centrale del latte di Roma, le esigenze di tutela della qualità e della territorialità del nostro prodotto e l’attesa che in questi giorni si giunga ad una definizione del prezzo del latte, dopo la riunione del Tavolo di concertazione per la definizione del prezzo alla stalla, mi spingono a scriverti.

Mi appello al buon senso di Zingaretti affinché intervenga direttamente e con decisione per fare in modo che la Regione Lazio metta in atto quel ruolo di impulso e mediazione che le è proprio ed ora più che mai può e deve esercitare”. Come? Granieri non ha dubbi.  Coldiretti Lazio, Organizzazione che ha tra i suoi scopi quello di tutelare la competitività ed agevolare il rilancio delle imprese agricole del territorio, propone un’iniziativa concreta per venire incontro al comparto zootecnico messo, come ben noto in questo periodo di crisi, a dura prova: utilizzare gli immobili di proprietà dell’ARSIAL per costituire un fondo che permetta di disporre di liquidità per un valore che già oggi limitatamente al patrimonio urbano della sola ARSIAL si aggira intorno ai 100 milioni, con l’obiettivo di garantire agli allevatori la partecipazione all’acquisto di quote significative della centrale del latte di Roma. Come sai – continua Granieri - la Coldiretti del Lazio è scesa in campo più volte, anche con azioni molto forti in nome della tutela della qualità e dell'origine del nostro latte, proprio nel caso della Centrale del Latte, sulle cui vicende proprietarie e gestionali questa Organizzazione si è espressa con l'obiettivo di arrivare ad un maggiore protagonismo del mondo allevatoriale romano e laziale.

Per Coldiretti- come più volte e in diversi ambiti anche il direttore regionale Aldo Mattia ha messo in risalto- si deve tener conto della gravità della situazione che si è venuta a creare con la scadenza, da oltre un mese, dei contratti, con una corsa al ribasso che gli allevatori laziali non sono più in grado di sostenere. Infatti nel solo mese di luglio, ad appena un mese dalla scadenza dei contratti, si registra un calo medio dei prezzi di oltre il 5%, passando da circa 45 centesimi al litro a poco più di 42 centesimi. A ciò si aggiunge un calo dei prezzi del latte crudo alla stalla, sia in Germania che in Francia, che si traduce nella perdita di qualità del latte laziale e della competitività degli allevatori del nostro territorio, mettendo in crisi il settore zootecnico che già negli ultimi cinque anni ha visto diminuire il numero delle aziende da latte di quasi il 40%.

Mi appello, dunque, alla tua sensibilità e al tuo buon senso nel farti parte attiva nel perorare la proposta di Coldiretti Lazio perché gli allevatori hanno diritto ad un quadro di certezze che consenta loro di programmare la propria attività ed il proprio futuro visto che l’unico dato cresciuto negli ultimi anni è quello relativo ai costi di produzione che oggi ammontano in media a 48 centesimi al litro".

David Granieri, presidente Coldiretti Lazio

Tags:
coldirettilazio



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.