A- A+
Roma
L'estate devasta le famiglie: dopo le vacanze boom di richieste di separazione

L'estate e le vacanze devastano le famiglie: “A settembre esplode la richiesta di separazione”. L'allarme dell'avvocato matrimonialista Maria Luisa Missiaggia.

 

"A settembre si registra un consistente aumento della richiesta di separazioni. La vacanza, infatti, il vivere insieme quotidianamente, fa emergere i conflitti che si hanno con il partner, difficoltà di relazione che durante l'inverno sono sopite per via della routine. L'estate velocizza la crisi nella coppia che a settembre, esausta, chiede la separazione". Lo afferma Maria Luisa Missiaggia, avvocato matrimonialista del Foro di Roma, esperta in Diritto di Famiglia e autrice del libro "Separarsi con amore si può".

"Purtroppo l'informazione sulle separazioni e i divorzi è ancora insufficiente ed i conflitti aumentano, conflitti che dovrebbero ridursi in presenza di persone di età minore" spiega l’avvocato Missiaggia.

Papà e mamma non dovrebbero farsi la guerra sebbene separati e divorziati nell'interesse dei loro figli. I problemi nascono spesso intorno ai contributi di mantenimento per i minori, contributi che non sono per le donne ma per dare ai bambini lo stesso tenore di vita nel matrimonio o convivenza. I figli detestano i conflitti e pur non riconoscendo l'abuso quando sono piccoli, da adulti ne subiscono danni spesso irrimediabili". Aggiunge: "Insegniamo alle persone a sapersi separare con civiltà per amore dei figli senza alimentare la lotta tra uomini e donne ai danni dei bambini. Il tanto discusso Decreto Pillon è un inizio per limitare l'uso e abuso genitoriale nei confronti dei figli. Quanto alla mediazione obbligatoria, diciamo che in tutta Europa esiste da anni e già e lungi dall’essere una intromissione nella famiglia, può essere invece un'occasione per accordarsi e trovare soluzioni consensuali".

Ma è possibile separarsi in poco tempo senza conflitti? "Per ottenere una separazione o un divorzio in modo rapido e indolore la soluzione è la negoziazione assistita: un accordo che ci permetterà di separarci in 7 giorni e divorziare in 6 mesi restando protagonisti della nostra vita. E, cosa ancora più importante, senza lasciare spazio ad ulteriori conflitti. Purtroppo, infatti, non si può negare che, in assenza di negoziazione, finiamo per entrare nelle maglie della giustizia e in tempi processuali mai inferiori a 2-3 anni, soprattutto in città grandi come Roma e Milano", afferma la Missiaggia.

Commenti
    Tags:
    estatevacanzafamigliaseparazioneavvocato matrimonialistaboomdevasta famigliegenitori separatiavvocato roma



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, la vita pubblica in mano ai medici
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi auspica stabilità. E lancia il patto sociale per la crescita duratura
    "Il fronte giustizialista ha creato problemi alle istituzioni"


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.