A- A+
Roma

I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno notificato venticinque avvisi di conclusione delle indagini, emessi dalla Procura della Repubblica della Capitale nei confronti di amministratori e dirigenti di un noto gruppo multinazionale, operante nella commercializzazione di idrocarburi.
Per tutti l’accusa è di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici, avendo omesso l’indicazione, nella dichiarazione dei redditi per il 2009, di dividendi provenienti da una società controllata, ammontanti ad oltre 21 milioni di euro.
Le indagini del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma hanno svelato l’esistenza di un ingegnoso e articolato sistema perpetrato grazie ad una serie di operazioni straordinarie preordinate all’ottenimento di indebiti vantaggi fiscali avvenute tra il 2000 ed il 2009 con acquisizione di partecipazioni sociali, finanziamenti infra-gruppo, distribuzione di dividendi “ad orologeria”, scissioni, fusioni.
Inoltre, dagli accertamenti svolti, è anche emersa l’interposizione, nelle transazioni commerciali, di due società, una lussemburghese e l’altra con sede nelle Isole Bermuda, sempre allo scopo di realizzare uno spostamento di materia imponibile da Stati a elevata fiscalità verso territori caratterizzati da una minore pressione fiscale.
 

Tags:
idrocarburipetroliguardia di finanza



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.