A- A+
Roma
Sfratti, la paura anticipa la tregua. Sgomberi bloccati e 8mila euro alle famiglie

Gli sfratti per morosità a Roma sono bloccati almeno fino al 31 gennaio. E' infatti arrivata la conferma del Prefetto che si è impegnato a non concedere la forza pubblica dopo l'approvazione della delibera comunale che avvia le procedure per il riconoscimento della morosità incolpevole. L'annuncio dell'assessore capitolino alla Casa, Daniele Ozzimo. "Presso il Dipartimento politiche abitative e nelle sedi dei Municipi, è disponibile il modulo da compilare per chiedere i contributi previsti per i morosi incolpevoli, che potrà essere scaricato anche dal sito di Roma Capitale".

Il responsabile di settore del Campidoglio spiega che "il fondo istituito dal Governo prevede un contributo massimo di 8 mila euro per le famiglie che non sono più in condizione di pagare l'affitto perchè il loro reddito si è pesantemente ridotto a causa, per esempio, della perdita del posto di lavoro", e che "Roma Capitale ha deciso di erogare i contributi in base al reddito, in modo da poter aiutare un numero maggiore di famiglie".
I prossimi "tre mesi di blocco degli sfratti permetteranno all'amministrazione di verificare le domande e di poter stilare un elenco dei morosi incolpevoli, che sara' trasmesso alla Prefettura che è già al lavoro nella predisposizione di una commissione gradazione sfratti - conclude Ozzimo - In base alla ripartizione del fondo nazionale, Roma riceverà' dalla Regione Lazio quasi 1,4 milioni di euro per il 2014, ma sono previste nuove ripartizioni sia per l'anno in corso che per gli anni a seguire, fino al 2020".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sfrattimorosità



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
La CGIL è la stampella dei padroni
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.