I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
da sx: Avv. M. Sances e Dott. A. Sorrento

Partite Iva Nazionali scrive al Presidente del Consiglio per segnalare come sui rimborsi fiscali gli interessi siano di gran lunga inferiori rispetto a quando è il contribuente a dover pagare.

 

Partite Iva Nazionali (PIN) informa di aver inviato nei giorni scorsi una nuova petizione, questa volta al Governo per segnalare la grave disparità di trattamento tra Fisco e cittadini in materia di calcolo degli interessi in caso di ritardato pagamento.

Come chiarisce infatti il Presidente di PIN, il Dott. Antonio Sorrento “Con la nostra petizione abbiamo segnalato al Presidente del Consiglio e al Ministro dell’Economia una situazione che riteniamo obiettivamente insostenibile oltre che palesemente illegittima, ossia la grave disparità di trattamento nell’applicazione degli interessi da parte dell’Agenzia delle Entrate.  Grazie, infatti, alla proposta dell'Avv.to Sances che coordina i professionisti del nostro comitato tecnico scientifico, abbiamo verificato che l’interesse riconosciuto dal Fisco per i rimborsi di tributi, in caso ritardo, risulta al massimo del 2% mentre quando è contribuente a dover pagare in ritardo l’importo ammonta almeno del doppio. Abbiamo dunque fatto presente al Governo come da anni ormai siamo in attesa di un decreto attuativo da parte del Ministero dell’Economia –  come previsto dall’art.13 del Dlgs n.159/15 –  per porre fine a questa ingiustificata disparità di trattamento. D’altronde, non si comprende come mai quando è il Fisco a pretendere i pagamenti le somme debbano rendere di più rispetto a quando sono i cittadini e le imprese ad aspettare i rimborsi”.

Continua sul punto l’Avv. Matteo Sances per precisare che “Purtroppo la disparità di trattamento non finisce qui. È opportuno precisare che quando è il contribuente a dover pagare in ritardo la differenza di trattamento non riguarda solo gli interessi ma dobbiamo anche considerare l’ulteriore applicazione delle sanzioni. Speriamo che almeno sugli interessi si riesca a ottenere velocemente quella parità di trattamento già prevista per legge ormai da anni e mai attuata”.

 

Ci auguriamo dunque per i cittadini che al più presto il Governo possa emanare i decreti attuativi tanto attesi.

Commenti
    Tags:
    #draghifisco #interessilegali2022 #matteosances #pin #antoniosorrento





    in evidenza
    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    Analogie tra bandiere in panca

    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.