Pillole d'Europa

di Cinzia Boschiero

I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Pillole d'Europa
AIUTI PER ARTISTI, AGRICOLTORI, GIOVANI, PER AMBIENTE E CONTRO LA DROGA
un progetto "I giovani e le scienze" - EUCYS

Domanda: ci sono dei bandi europei per noi giovani adolescenti? Veronica Carlisi

Risposta: sì , ad esempio ogni anno c’è il concorso europeo “I giovani e le scienze” della Commissione europea, a cui si possono presentare lavori, progetti, prototipi che possono riguardare qualsiasi disciplina anche umanistica (rif. giovaniescienze2021.fast.mi.it). “Il concorso europeo EUCYS è una grande opportunità per i giovani di età compresa tra i 14 e i 20 anni ed è stato voluto dalla Commissione e dalle altre istituzioni dell’Unione Europea per valorizzare i nostri giovani talenti e avvicinarli alle future carriere scientifiche”, dice il dott. Massimo Gaudina, Capo della Rappresentanza a Milano della Commissione europea, ”Anche quest’anno la selezione italiana, ospitata a Milano, diventa una passerella per tanti giovani scienziati e scienziate in erba e per selezionare i finalisti che andranno a giocarsi il premio a settembre a Salamanca. La Direzione Generale Ricerca e Innovazione della Commissione europea, oltre a gestire il nuovo programma quadro ‘Horizon Europe’, promuove la scienza aperta e le carriere scientifiche, sempre più importanti in un mondo che richiede incessantemente nuove conoscenze e nuove tecnologie”. Nonostante la pandemia, malgrado le scuole e i laboratori chiusi, 37 giovani (21 maschi e 16 femmine) presentano 16 progetti di rilievo per essere premiati per la loro inventività dalla Direzione generale Ricerca della Commissione europea, con l’edizione 2021, quest’anno on line, della selezione italiana del concorso “I giovani e le scienze”, gestito in Italia dalla FAST-Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche. Sono coinvolti pure 10 finalisti con quattro contributi da Messico, Tunisia e Turchia. Si vincono borse di studio, viaggi, premi in denaro. Il 12 aprile ci sarà la premiazione finale della selezione italiana di EUCYS on line e sul sito si possono vedere le invenzioni e i prototipi e le ricerche dei neoArchimede 2021 finalisti italiani da cui saranno selezionati gli studenti che rappresenteranno l'Italia alla finale europea a settembre. 

Domanda: ci sono dei progetti europei per rendere più partecipi i cittadini delle città ai cambiamenti in atto? Rosita Buriocco

Risposta: ci sono diversi progetti europei, c’è anche un programma europeo per i dritti, l’uguaglianza e la cittadinanza tutela i diritti e le libertà riconosciute ai cittadini in virtù del diritto dell’UE. Tra i progetti c’è “APProach – Approach, Connetting EU mobile citizens with their welcoming cities” cofinanziato nell’ambito del programma UE “Diritti, uguaglianza e cittadinanza” e che vede, tra i partner, il Comune di Milano. Scopo del progetto è agevolare il processo di inclusione dei cittadini europei che si spostano in un altro Stato membro per motivi di lavoro, studio, volontariato o ricongiungimento familiare nelle città di destinazione. Attraverso una App, i cittadini europei che si trasferiscono in una città di un altro Stato comunitario possono ottenere informazioni specifiche rispetto alle modalità di esercizio di voto, alle procedure di iscrizione scolastica e alla partecipazione attiva alla vita della città. Il progetto, è coordinato da ALDA – Associazione europea per la democrazia locale, in partnership con il Comune di Etterbeek (Belgio), il Comune di Milano, il Comune di Nea Smyrni (Grecia), il Comune di Parigi (Francia), il Comune di Lisbona (Portogallo)e il Comune di Vejle (Danimarca) e con la partecipazione delle Città di Amsterdam (Paesi Bassi) e la Città di Varsavia (Polonia) come città osservatrici. La Commissione ha anche presentato di recente la nuova strategia sui diritti delle persone con disabilità 2021-2023 attraverso la quale coordinerà l’impegno degli Stati membri nell’attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD) allo scopo di migliorarne l’efficacia.

Domanda: cos’è la Green week europea ? Mario Turcelli

Risposta: è dedicata al tema inquinamento zero l’edizione 2021 di Green week, la Settimana verde dell’UE che quest’anno ritorna nella sua collocazione abituale di inizio giugno. Secondo un'impostazione consolidata, Green week comprende una conferenza e degli eventi partner, organizzati a livello locale su tutto il territorio europeo nelle settimane che precedono o seguono la conferenza, sempre centrati sul tema dell'anno. La conferenza, che come nel 2020 si svolgerà completamente online, è in programma dal primo al 4 giugno 2021 e rappresenta l’opportunità per discutere con tutte le parti e i cittadini interessati di come lavorare insieme per fare sì che l’obiettivo di un ambiente a inquinamento zero e privo di sostanze tossiche diventi realtà. E’ quindi una settimana che coinvolge associazioni, scuole, enti, imprese. In particolare si discuterà del Piano d’azione dell’Unione europea verso l’«obiettivo inquinamento zero». Le segnalo anche la piattaforma europea Climate-ADAPT  che sarà potenziata e ampliata e le sarà affiancato un osservatorio per la salute col compito di monitorare, analizzare e prevenire meglio gli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute.

Domanda: ci sono degli aiuti europei per gli artisti? Marianna Lucente

Risposta: sì c’è il programma Europa Creativa e il programma i-portunus di cui ci sono due bandi aperti. Entro il 15 aprile si può fare domanda per un bando del programma europeo i-Portunus che cofinanzia progetti di mobilità transnazionale di artisti e professionisti del settore del patrimonio culturale. Rientra nel  programma Europa Creativa. Offre agli artisti e ai professionisti della cultura l'opportunità di beneficiare di un breve periodo di mobilità in un altro Stato.  Possono rispondere al bando artisti, creativi e professionisti attivi nel settore del patrimonio culturale, di età superiore ai 18 anni, aventi qualsiasi tipo di titolo di studio e livello di esperienza e residenti in uno degli Stati ammissibili al programma europeo Europa Creativa. Si possono inoltrare candidature individuali, oppure candidature di gruppo (fino a 5 persone). Possono essere cofinanziati progetti di  mobilità continua o mobilità segmentata con più periodi di almeno cinque giorni. I progetti di mobilità possono essere collaborazioni internazionali, come ad esempio scambi di conoscenze o migliori pratiche; residenze orientate alla produzione e allo sviluppo di nuove abilità; riunioni di rete, workshop, masterclass e altre iniziative di formazione al di fuori dell'istruzione formale, come gli hub creativi.

 

Domanda: mi pare che questa pandemia stia mettendo in secondo piano piaghe come la droga, ci sono fondi o progetti comuni per combattere la droga che sta dilagando in Europa? Nicola Vincenzi

Risposta: sì.  Ci sono fondi che cofinanziano ad esempio progetti transnazionali riguardanti progetti su epidemiologia dell’uso di nuove sostanze psicoattive, compresi gli oppioidi sintetici più potenti, nonché attività relative ai problemi emergenti (in particolare le sfide legate al consumo di cocaina ed eroina) e agli sviluppi tecnologici, compreso il commercio online di droghe; fondi per progetti a sostegno alle organizzazioni della società civile per progetti atti a sensibilizzare ad una riduzione della domanda di droga, in particolare per progetti  di integrazione sociale dei gruppi vulnerabili; progetti anche di ricerca correlata alla droga e, in particolare, progetti di ricerca sulla dipendenza, al fine di affrontare le sfide attuali e le nuove minacce. Un bando europeo aperto di recente ha ad esempio un budget di 2.499.000 euro.

 

Domanda: non ci si pone il problema di come migliorare la comunicazione pubblica in Europa? Barbara Stasino

Risposta: certo.  EuroPCom, il più importante appuntamento annuale dedicato alla comunicazione pubblica organizzato dalle istituzioni dell’Unione Europea, si terrà anche quest’anno come evento virtuale: la conferenza, giunta alla sua 12a edizione, è in programma l’8 e il 9 novembre prossimi. Gli organizzatori di EuroPCom hanno lanciato una call for proposals per raccogliere idee che possano contribuire a preparare questa nuova edizione della conferenza. L'Agenda europea per il 2021 contempla, infatti, diverse questioni di primaria importanza anche per la comunicazione pubblica, ad esempio la ripresa post covid-19, la democrazia e la Conferenza sul futuro dell'Europa, l'Azione per il clima e il Green Deal europeo, solo per citarne alcune.

Domanda: non ci sono aiuti europei  per noi agricoltori? Paolo Neredio

Risposta: sì.  Ci sono ad esempio aperti adesso due bandi per il settore agricolo: uno con budget totale di 81 milioni di euro gestiti dalla Commissione europea – CHAFEA (Agenzia esecutiva per i consumatori, la salute, l’agricoltura e l’alimentazione) per progetti per  rafforzare la competitività del settore agricolo dell'Unione europea, per migliorare il grado di conoscenza dei meriti dei prodotti agricoli comunitari  e degli elevati standard applicabili ai metodi di produzione nell'Unione europea e per aumentare la competitività e il consumo dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari dell'Unione europea ed ottimizzarne l'immagine tanto all'interno quanto all'esterno dell'Unione europea; un altro bando con un ammontare totale di 82.400.000 euro sempre gestito dalla stessa agenzia con sovvenzioni per azioni di informazione e di promozione riguardanti i prodotti agricoli realizzate nel mercato interno e nei paesi terzi per programmi multipli che semplici di promozione. Poi ci sono progetti di ricerca e sviluppo tecnologico e ad esempio il progetto  europeo SmartAgriHubs che viene finanziato dal programma di Ricerca e Innovazione Horizon 2020. L'obiettivo del progetto è quello di realizzare la digitalizzazione dell'agricoltura europea promuovendo ecosistemi d'innovazione basati su eccellenza, sostenibilità e successo. Viene elargito un contributo minimo di diecimila euro e uno  massimo di  60mila euro. Il  75 per cento della disponibilità finanziaria totale del programma è destinata alle attività delle pmi e delle start up. In particolare il bando va a finanziare attività di tipo hackathon che contribuiranno al riavvio dell’economia agroalimentare europea dopo la crisi covid 19 e cofinanzia progetti per facilitare l’accesso ai dati e ai servizi per una più facile innovazione digitale nei settori agroalimentari.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    aiuti per artistiagricoltorigiovaniper ambiente e contro la droga
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.