A- A+
Il Sociale
Un bambino su 4 è sovrappeso. Moige: "Educare al gusto i più piccoli"

di Andrea Bufo
@AbuBufo         

L'Italia è uno dei Paesi europei più colpiti dal fenomeno dell’obesità infantile: nel nostro paese la prevalenza di sovrappeso in età pediatrica supera di circa 3 punti percentuali la media Europea, con un tasso di crescita/annua dello 0,5-1%, pari a quello degli Stati Uniti. Cosa si può fare per combattere questa piaga? Affaritaliani.it lo ha chiesto ad Antonio Affinita, direttore generale del Moige, il movimento italiano genitori, che ha lanciato l'iniziativa “Mangia bene, cresci bene”.

Perché questa campagna?
“Mangia bene, cresci bene” è un’iniziativa realizzata in collaborazione con Guna S.p.A. e il patrocinio scientifico si SIPPS e AMIOT, che mira a contrastare la diffusione di cattive abitudini alimentari tra i bambini e informare i genitori sulle regole del mangiare sano. Le indagini dimostrano che in Italia, nella fascia tra i 6 e gli 11 anni, 3 bambini su 10 sono sovrappeso e tra loro 1 su 10 è addirittura obeso. Al centro-sud, l’obesità infantile è un problema molto comune, soprattutto in Campania, Puglia, Molise Abruzzo e Basilicata, dove la percentuale di bambini di terza elementare sovrappeso va oltre il 40%. Per questo, riteniamo necessario sensibilizzare le famiglie sull’importanza di una dieta equilibrata e l’adozione di corretti stili di vita.

Come mai il Moige ha deciso di impegnarsi in questa "battaglia"?
Siamo da sempre in prima linea su questo fronte, perché consideriamo l’alimentazione il momento educativo per eccellenza. Le scelte legate ai pasti implicano un confronto costante tra genitori e figli che costituisce un percorso di crescita. Già in passato abbiamo messo in campo diverse iniziative con l’obiettivo di ribadire la centralità del tema. Riteniamo che la cultura alimentare vada diffusa a partire delle giovani generazioni: con la nostra campagna viaggeremo, tra febbraio e maggio, in 379 scuole elementari e medie d’Italia con l’obiettivo di dare a 40.000 studenti e 75.000 genitori nozioni e suggerimenti per mangiare (e crescere) bene.

Come possono essere accompagnati i minori verso una migliore alimentazione?
La ricetta giusta sta nell’insegnare loro a alimentarsi in maniera adeguata, seguendo poche e semplici regole. Il segreto è far capire ai più piccoli che la loro dieta deve essere varia e quanto più completa possibile, composta in dosi bilanciate da tutti i nutrienti fondamentali per soddisfare il fabbisogno quotidiano e garantire una crescita sana. Inoltre, è bene non saltare i pasti (soprattutto la prima colazione) e non mangiare snack fuori orario. Manteniamo una certa regolarità e rispettiamo il nostro orologio alimentare, ricordando che ad una sana alimentazione si deve sempre accompagnare uno stile di vita basato sullo sport e l’attività all’aria aperta.

Quale deve essere il ruolo dei genitori e della scuola?
Mamme, papà e docenti hanno il delicato compito di educare al gusto i più piccoli, insegnando loro l’importanza di mangiare tutto e in maniera equilibrata. I nostri ragazzi devono imparare ad apprezzare ogni sapore e a riconoscere l’importanza di consumare alcuni alimenti, strategici per la loro crescita. Un passo importante può essere quello di saper dire di no all’abuso di snack e bibite zuccherate e far rispettare sempre gli orari dei pasti.

Come mai ci sono sempre più bambini in sovrappeso, da che cosa dipende?
Sono molti i fattori che incidono, in particolare l’adozione di abitudini alimentari sbagliate e uno stile di vita sedentario. I ragazzi consumano spesso cibi ipercalorici come snack e bibite zuccherate, che alla lunga possono nuocere alla loro salute. Se a questo aggiungiamo anche il fatto che una buona percentuale di loro non pratica sport, il pericolo obesità si fa più concreto. Un’altra causa è la disinformazione dei genitori sul tema: in Italia soltanto 1 su 2 conosce a fondo le regole del mangiare sano. Questo aumenta notevolmente il rischio che i ragazzi adottino un regime alimentare errato.

Legumi e frutta sono ancora un punto debole della dieta dei più piccoli?
Purtroppo sì. Anche le indagini più recenti sull’argomento parlano chiaro. Addirittura un bambino su 2 non mangia legumi o lo fa molto raramente e 1 su 4 non consuma quotidianamente frutta e verdura. Dare così poco spazio a questi alimenti nella dieta quotidiana è un errore grave, perché si tratta di cibi ricchi di vitamine, essenziali per il nostro organismo. Troppo spesso si cede alla tentazione di consumare spuntini ricchi di zuccheri e carboidrati, quando, in realtà, fare merenda con un frutto può rivelarsi una soluzione valida e altrettanto gustosa.

Un cambiamento che voi auspicate?
Ci auguriamo che, anche grazie a “Mangia bene, cresci bene”, le famiglie e in particolar modo i ragazzi italiani acquisiscano maggiore consapevolezza dell’importanza di una dieta equilibrata e adottino comportamenti virtuosi nelle loro scelte alimentari, scongiurando ogni possibile rischio derivante da abitudini sbagliate a tavola. Ci auguriamo che i genitori superino la convinzione errata che mangiare tanto equivalga a mangiare bene, preferendo alla quantità la qualità e la genuinità dei prodotti che portano a tavola.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
italiabambinisovrappesoobeso
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.