A- A+
Il Sociale
Carceri, Consiglio d'Europa contro l'Italia

Il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa ha nuovamente bacchettato l’Italia per la situazione delle carceri, in particolare in vista della scadenza del 27 maggio prossimo, data entro la quale l’Italia è chiamata a mettere in pratica le misure necessarie a ridurre il sovraffollamento carcerario.

Il comitato ha ricordato fra l’altro che “per essere pienamente efficace” l’intervento deve comportare “misure di fondo anche preventive per lottare contro la sovrappopolazione” e ha invitato le autorità italiane a fornire informazioni più precise così che il Consiglio possa “valutare l’efficacia delle misure adottate”.

In sostanza il Consiglio d’Europa chiede all’Italia di “fornire un piano d’azione dettagliato con le informazioni ancora mancanti così che esso possa essere valutato nel suo complesso”.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carcerieuropaitalia
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.